Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, Consulta per le Donne: Gianfranca Schiavoni eletta presidente

L'obiettivo del nuovo organismo è quello di valorizzare e promuovere le pari opportunità in città. Eletto anche il consiglio direttivo

Immagine di repertorio

JESI – È Gianfranca Schiavoni la nuova presidente della Consulta per le Donne e le Pari Opportunità. Da sempre impegnata per la promozione delle pari opportunità, è l’attuale presidente della Fidapa sezione di Jesi. Ha ottenuto il maggior numero di voti in occasione della prima assemblea del nuovo organismo andata in scena lo scorso 25 aprile. Nominato anche il consiglio direttivo, del quale fanno parte Laura Marinelli, Letizia Saturni, Gaia Baccani, Monica Ricci, Milva Magnani.

Le finalità che la Consulta si pone sono:
Valorizzare la presenza, la cultura e l’attività delle donne nella società e nelle istituzioni;
Riconoscere il carattere multietnico e le diversità culturali della realtà femminile nel territorio;
Sostenere il diritto alle pari opportunità nel lavoro e in ogni altro settore della vita civile nel territorio;
Prevenire e contrastare tutte le forme di esclusione e di violenza attuate dagli uomini maltrattanti verso le donne;

Ogni anno, relaziona in consiglio comunale sulle attività svolte e può essere interpellata dalla giunta su particolari tematiche. Sono sessantasette le persone che hanno aderito, residenti o domiciliati a Jesi, o che, nel Comune di Jesi, svolgono attività lavorativa, di studio o comunque vi abbiano interessi di tipo sociale e culturale. Quattro gli uomini. «Una risposta davvero significativa – ha sottolineato l’assessore alle pari
opportunità Marisa Campanelli
– che conferma da un lato la bontà della scelta dell’Amministrazione comunale, dall’altro il desiderio di partecipazione che viene dalla società civile. Daremo immediatamente corso a tutte le procedure previste dal regolamento per rendere la Consulta pienamente operativa».

Martedì, in consiglio comunale, il civico consesso sarà chiamato ad approvare il regolamento di un’altra nuova Consulta: quella delle giovani generazioni.