Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, una coltellata al compagno violento della madre

La ragazzina di 13 anni, ha sferrato un fendente al compagno della madre per difenderla durante l'ennesima violenta litigata

Una volante della polizia

JESI- Non era la prima volta che quel giovane perdeva la testa, in preda a un abuso alcolico, e alzava le mani sulla compagna, urlandole contro e maltrattandola. Domenica sera, 19 settembre, nell’appartamentino in città dove vive la coppia, è andato in scena di nuovo il terrore. Ma stavolta la figlia della donna, una ragazzina di 13 anni, al culmine di unella violenta lite, ha impugnato un coltello da cucina e ha sferrato un colpo verso l’uomoun 22enne marocchino – ferendolo non gravemente.

L’uomo, sanguinante, è uscito di casa urlando frasi sconnesse in mezzo alla strada. I vicini se ne sono accorti e temendo più per le sorti delle due donne, hanno allertato il numero unico di emergenza 112. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia, insieme all’automedica del 118 e l’ambulanza. L’uomo, completamente fuori di sé, è stato bloccato e caricato in ambulanza, poi sedato e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. Le sue condizioni non sono gravi. I poliziotti stanno valutando bene la situazione e raccogliendo elementi per chiarire le circostanze e le responsabilità.

Sembra che nonostante i ripetuti maltrattamenti, la donna non avesse mai denunciato il compagno. La ragazzina, 13enne, non è imputabile. Sono in corso indagini.

Exit mobile version