Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi città da vivere e JesiClean, insieme per un patto green

Una raccolta fondi e progetti in sinergia per sensibilizzare i giovani frequentatori dei locali del centro a una movida più responsabile e attenta alle tematiche ambientali

La presentazione di Jesi città da vivere e JesiClean

JESI – Per tenere pulito basta un gesto. E’ l’input che ha dato il via a un felice sodalizio green tra due giovani e dinamiche realtà del territorio: Jesi Città da Vivere e JesiClean. Questa mattina in una conferenza stampa il presidente Marco Tombini (Jack Rabbit) e il giovanissimo leader di JesiClean Giacomo Mosca hanno parlato di come l’unione possa davvero fare la forza quando si tratta di mettere in campo risorse con l’obiettivo comune di rendere la città più bella, accogliente, vivibile ed ecosostenibile.

Jesi città da vivere, Jesi Clean e l’amministrazione

Presenti 20 imprenditori del centro e non solo che già hanno gettato le basi per un progetto di sviluppo virtuoso della città attraverso le attività di accoglienza, ristorazione, intrattenimento e comunicazione; poi il team di JesiClean, ovvero 9 neo diplomati che si stanno adoperando per sensibilizzare i cittadini, soprattutto i ragazzi, sull’importanza della cura ambientale e la pulizia dei parchi. Nel mezzo, trait d’union di questa collaborazione che unisce pubblico e privato, ci sono gli assessori all’Ambiente Cinzia Napolitano e al commercio Ugo Coltorti. Sono stati distribuiti ai titolari dei locali che aderiscono a “Jesi città da vivere” dei contenitori trasparenti con sopra un piccolo garden fiorito e il messaggio “per tenere pulito basta un gesto”: serviranno a una raccolta fondi a favore di JesiClean e delle sue attività di volontariato per la tutela dell’ambiente e di pulizia di parchi e spazi comuni della città.

«Questa sinergia evidenzia il valore della collettività, del fare le cose insieme – evidenzia Marco Tombini – la nostra collaborazione nasce sotto il segno del green, da un’esigenza comune e profonda, ovvero contribuire alla tutela dell’ambiente, con gesti quotidiani e iniziative di sensibilizzazione. Un tema, quello della sostenibilità ambientale, che è sempre più sentito dai cittadini, come confermano i primi risultati del questionario diffuso nelle scorse settimane nei locali, e la partecipazione attiva mostrata dalla cittadinanza jesina durante gli eventi di pulizia dei parchi che in totale ha raccolto quasi 200 persone, pulendo più di 15 km di città».  La prima iniziativa di questo nuovo percorso sarà come detto, una raccolta fondi, a favore di JesiClean e delle sue attività di volontariato per la tutela dell’ambiente e di pulizia di parchi e spazi comuni della città.

La collaborazione vedrà poi le due associazioni impegnate in eventi di promozione di buone prassi per vivere in armonia con l’ambiente che ci circonda, dalla lotta agli sprechi, all’importanza della raccolta differenziata, dai piccoli gesti individuali che mantengono pulita la città, al contenimento dell’uso della plastica, e tanto altro. «Un’idea spontanea per unire le forze e pulire la città – dice Giacomo Mosca – siamo felici di essere stati presi così seriamente tanto che nelle nostre prime uscite c’erano centinaia di volontari».

«Abbiamo redatto un disciplinare – aggiunge l’assessore Cinzia Napolitano – per far diventare ogni evento una eco-festa, quindi la vocazione della città è quella alla sensibilità ambientale. Tra la fine di giugno e l’inizio di luglio poi entreranno a regime le isole ecologiche dove si potrà conferire in modo differenziato con una tessera magnetica: ora siamo al 72% della raccolta differenziata ma puntiamo a innalzare la percentuale. La città è virtuosa, ma ben vengano sempre la collaborazione con la cittadinanza e le iniziative di sensibilizzazione dei giovani che frequentano il centro». Sulla buona volontà dei giovani interviene anche l’assessore al commercio Ugo Coltorti: «era ora che i giovani, che i 20enni si interessassero alle questioni cittadine e all’ambiente – dice – sono felice che dopo tanto tempo finalmente, seminando, qualcuno si sta innamorando della città».

Le due realtà: Jesi città da vivere e JesiClean

L’Associazione “Jesi città da vivere” raccoglie 20 giovani imprenditori locali che si sono uniti per crescere intorno ad una proposta di valore, in armonia con l’ecosistema cittadino, e capace di generare nuovi flussi di turismo. Fanno parte del gruppo: Birreria Sant’Agostino, Caffè Imperiale, Cibariando Pesce & Dintorni, Corso Piccolo Caffè, Simó food and drink e 3 de nigò, Hostaria Dietro le quinte, Jack Rabbit, Gara Caffetteria e Specialità, Korova Club, La Picca Wine bar, Man Cave Cafè, Mezzometro pizza su misura, Pergolesi Enocaffè, Poldo Burger Bar, Rambaldus Spirits&Kitchen, Poldo Burger Bar, RossoIntenso Food & Wine, Sardina Street food, Transylvania Vinyl Bar, Vagamondo gineria, VictorJa.

“Un piccolo gesto per una città più pulita” è il motto che ispira l’azione di JesiClean, un gruppo di giovanissimi animati dall’amore per la loro città e dalla voglia di renderla un posto migliore. L’associazione culturale e ricreativa è stata fondata da un gruppo di 9 amici appena diplomati, proveniente dalla città di Jesi e paesi limitrofi: Giacomo Mosca, Rebecca Mosca, Manuel Garofoli, Francesco Sebastianelli, Jacopo Bartolucci, Jacopo Montori, Natasha Coacci, Maria Sole Belardinelli, Alessandro Scolpati. Il loro obbiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini, soprattutto i ragazzi, sull’importanza della cura ambientale e la pulizia dei parchi, anche organizzando iniziative volontarie per andare a ripulire un parco, una strada o una piazza.

La consegna dei contenitori della raccolta fondi ai titolari dei locali del centro.