Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, addio all’ipotesi Circolo Cittadino per la ciclabile dell’asse sud

Progetto definitivo, «Sono emerse criticità di carattere espropriativo e difficoltà concrete di realizzazione, si è ritenuto di spostare l’intervento in via Gallodoro». Lavori per 60 mila euro

JESI – Addio alla vecchia idea di passare per l’area verde del Circolo Cittadino: sarà lungo l’arteria di via Gallodoro che transiterà il proseguimento della pista ciclabile lungo l’asse sud, in parte già realizzata nel quartiere Prato, fino a via Roma. Fresco d’approvazione da parte della Giunta il progetto definitivo, nell’ambito del programma “Più bici Più sicuri”. In ballo lavori per 60 mila euro, coperti per metà da fondi della Regione e per metà del bilancio comunale.

Sono tre gli interventi, tutti finalizzati al miglioramento della sicurezza di percorsi ciclo pedonali già realizzati e previsti dal Biciplan del Comune di Jesi. L’ipotesi originaria per il primo era un percorso che unisse via del Molino e parcheggio Zannoni, con la realizzazione di un tratto ciclabile nell’area verde del Circolo Cittadino. Ma, spiega la Giunta, «in fase di progettazione definitiva sono emerse per il tratto “A” delle criticità di carattere espropriativo e di difficoltà concreta di realizzazione dell’opera prevista nello studio di fattibilità tecnico economica. Il progettista, in accordo con l’ufficio, ha ritenuto di spostare l’intervento in via Gallodoro».

Un tratto dell’Asse sud a Jesi

Gli altri interventi prevedono in viale don Minzoni la realizzazione di un attraversamento ciclo/pedonale a norma per disabili e in via del Prato la fornitura e posa di “occhi di gatto” per incrementare la visibilità notturna del tratto ciclabile già realizzato.

La ciclabile dovrebbe, idealmente, unire Jesi da ovest a est, da via Roma alla zona industriale e passerà dunque lungo l’arteria principale di via Gallodoro così come già ora accade, non senza polemiche a riguardo, lungo via del Prato e via XXIV Maggio. Da via XXIV Maggio alla zona industriale invece si parla per ora ancora di progettazione.