Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, la biblioteca dei ragazzi riduce l’orario per carenza di personale. Quale futuro?

Francesca Ciampichetti, referente storica del servizio, andrà in pensione. I locali di via San Giuseppe resteranno aperti solo tre pomeriggi a settimana in attesa dell'esito dei bandi avviati dal Comune

JESI – Resterà aperta solo tre pomeriggi a settimana, invece che quattro, la biblioteca dei ragazzi. Con il pensionamento di Francesca Ciampichetti, la storica referente del servizio offerto nei locali di via San Giuseppe, il Comune è costretto a rivedere gli orari per far fronte alla carenza di personale. Si potrà accedere solo dal lunedì al mercoledì, dalle 15:30 alle 18:30.

L’amministrazione sta procedendo alle assunzioni di nuovo personale attraverso bandi di concorso. Sono state oltre 400 le domande pervenute per i tre posti part time a tempo indeterminato da inserire nel settore cultura e musei cittadini, il cui bando è scaduto lo scorso 31 ottobre 2019. Molto probabile che i nuovi assunti verranno impiegati anche per coprire il servizio, a meno che si scelta la strada dell’appalto esterno. Tutte le ipotesi, al momento, sono aperte.

«È una delle prime quindici biblioteche per ragazzi in Italia per materiale posseduto e la più grande delle Marche – ha spiegato la coordinatrice Francesca Ciampichetti, da qualche giorno in pensione –. Fu istituita nel 1964 e ad eccezione di tre anni di chiusura, siamo verso la fine degli anni Settanta, è sempre rimasta aperta, anzi, in questo lasso di tempo non si è smesso di acquistare volumi. La Biblioteca jesina vanta un preziosissimo archivio storico».

Nello specifico si tratta di prime edizioni di autori e illustratori di importanza internazionale come Bruno Munari, una raccolta delle “Avventure di Pinocchio”, il Fondo Luigi Rossi con una settantina di libri della scuola elementare che coprono un arco di tempo che va dagli anni ’20 agli inizi degli anni ’60 mostrando come era la nostra società subito dopo la seconda guerra mondiale.

Da segnalare anche lo scaffale multiculturale con libri in lingua straniera, raccolte di fiabe e miti di tutti i paesi del mondo, romanzi e saggi per i più grandi e gli insegnanti sui temi della pace e della convivenza civile, biografie di grandi personaggi contemporanei che hanno dedicato la propria esistenza a costruire un mondo migliore.