Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, l’associazione Impact ospita Alessandro Quasimodo

Un evento-spettacolo con il poeta, attore e regista, figlio di Salvatore Quasimodo, che presenterà il libro dell'infermiera-poetessa Maria Teresa Chechile

L'associazione Impact

JESI – “Pensieri fugaci. Alesssandro Quasimodo presenta Maria Teresa Chechile”. È il titolo dell’evento-spettacolo che si svolgerà con la collaborazione dell’associazione Italia Nostra – Sezione di Jesi, del Circolo di Cultura “Sandro Pertini” Jesi, dell’Associazione Culturale Para un Principe Enano, del Uilfpl provinciale Salerno – sezione cultura, della Cantina Colleonorato e con il Patrocinio della Provincia di Ancona, alle ore 17:30 di martedì 1 giugno presso la Sala del Lampadario del Circolo Cittadino di Jesi.

Un’iniziativa che vedrà la partecipazione di Alessandro Quasimodo, poeta, attore e regista, figlio di Salvatore Quasimodo, Premio Nobel per la Letteratura, che presenterà, assieme a Beatrice Testadiferro, direttrice del settimanale diocesano Voce della Vallesina, e Maria Cristina Zanotti, vicepresidente della sezione Italia Nostra di Jesi, il libro dell’infermiera-poetessa Maria Teresa Chechile. Quasimodo trascorrerà un paio di giornate a Jesi per ammirare le bellezze storico-culturali che la città offre.

Sono previsti inizialmente i saluti del presidente del Consiglio Regionale Dino Latini e del presidente della Provincia Luigi Cerioni. L’incontro sarà un’immersione nel mondo della poesia, grazie alla lettura di alcuni componimenti della Chechile, ad opera di Patrizia Dimare Giardini. Le letture saranno intervallate da alcune fotografie, gentilmente messe a disposizione da Giorgio Cutini, da alcune basi musicali, dirette da Marcello Moscoloni, e da alcune danze caraibiche eseguite da Olga Lidia Priel Herrera, presidente dell’associazione Para un Principe Enano.

Pensieri Fugaci è una raccolta di poesie, prosa e racconti di vita nati sia da ricordi d’infanzia che dall’incontro con i pazienti. L’immagine di copertina è la foto di un’alba scattata davanti all’ospedale Carlo Urbani, dove la poetessa lavora dal 1998 presso il reparto di Pneumologia. La prefazione è di Armando Ginesi, professore emerito di storia dell’arte, critico d’arte già Console Onorario della Federazione Russa di Ancona.

Il link dell’evento Facebook per rimanere aggiornati è: https://fb.me/e/1nV70UuSf

Per prenotare un posto è possibile contattare l’associazione attraverso i canali social (nome utente: @associazioneimpact), oppure via mail a info@associazioneimpact.it, oppure su Whatsapp o chiamando il numero +39 3714707612.

L’iniziativa rispetterà tutto quanto previsto dalla normativa in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19. Pertanto è prevista la prenotazione obbligatoria e all’ingresso sarà effettuata la misurazione della temperatura.