Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, altri 211 mila euro per i buoni spesa alimentari

Il Comune ha deciso di affidare all’Asp Ambito 9 la gestione del fondo, confermando i criteri per i destinatari. Il bando uscirà mercoledì 9 dicembre

JESI – Altri 211.898 euro sono stati assegnati al Comune di Jesi dal governo nell’ambito delle misure urgenti di solidarietà alimentare a seguito dell’emergenza epidemiologica. È esattamente la stessa somma concessa con il primo stanziamento della scorsa primavera. E, come allora, anche stavolta la Giunta ha deciso di affidare all’Asp Ambito 9 la gestione del fondo, confermando i criteri per i destinatari dei buoni spesa alimentare, il cui valore varierà da € 150 a € 450 a seconda della composizione del nucleo familiare.

La differenza sostanziale con la precedente gestione del fondo, sta nel fatto che verrà introdotto, da parte dell’Asp Ambito 9, il voucher elettronico al posto del buono cartaceo. Il voucher sarà il risultato finale di una gestione interamente informatizzata che va dalla raccolta delle domande da parte dei cittadini bisognosi attraverso un portale, all’erogazione del buono utilizzabile tramite la tessera sanitaria o il codice fiscale. Anche l’accreditamento delle attività commerciali avverrà attraverso una piattaforma informatica dedicata.

Il bando uscirà mercoledì 9 dicembre e sarà pubblicato tanto nel sito internet del Comune di Jesi quanto in quello dell’Asp Ambito 9, con tutte le informazioni utili per una corretta, agevole e veloce compilazione..

Nell’approvare il provvedimento, la Giunta ha disposto che saranno attivate le procedure per sollecitare la massima adesione da parte degli esercizi commerciali cittadini, applicando una modalità di “elenco aperto”, senza dunque una scadenza temporale.

Relativamente all’individuazione dei destinatari dei benefici, essi sono suddivisi tra chi è privo di qualsiasi reddito o copertura assistenziale, nuclei familiari monoreddito derivante da lavoro dipendente con cassa integrazione o derivante da attività autonoma il cui titolare dell’attività abbia chiesto il trattamento di sostegno previsto per legge, nuclei segnalati da soggetti del terzo settore o a carico dei servizi sociali.