Jesi, al via la progettazione del nuovo ponte San Carlo

Il viadotto che collega la periferia cittadina al quartiere di Minonna sarà demolito e ricostruito. Affidato l'appalto. Intanto, da lunedì 8 a mercoledì 10 aprile, verrà chiuso al transito

Barriere anti-camion a Ponte San Carlo

JESI – Al via la progettazione del nuovo ponte San Carlo. L’amministrazione ha affidato l’appalto di circa 160 mila euro a una società marchigiana specializzata in demolizione e ricostruzione di strade. L’intervento è finanziato dal Governo. Non ci sono ancora le risorse, invece, per l’intervento di ristrutturazione vero e proprio, dell’ammontare di circa 4 milioni di euro.

L’analisi effettuata sul ponte ha evidenziato uno stato di conservazione piuttosto compromesso causato essenzialmente dalla prolungata esposizione agli agenti atmosferici della struttura portante ed alla mancanza di interventi di manutenzione, che hanno prodotto il diffondersi di estesi fenomeni di ossidazione nelle armature metalliche, che in alcuni casi, in particolare per quanto riguarda le staffe all’intradosso delle travi, ne hanno portato alla rottura. L’analisi sismica complessiva ha altresì evidenziato indicatori di sicurezza piuttosto bassi.

Il professionista incaricato, tenuto conto delle verifiche con i carichi da traffico e dello stato di degrado osservato, ha pertanto ritenuto necessaria e urgente una limitazione del traffico mentre, relativamente alla sicurezza nei confronti della vulnerabilità sismica, il medesimo professionista ha sottolineato l’esigenza di un intervento di miglioramento strutturale, suggerendo, stanti le difficoltà insite nell’esecuzione di un qualsiasi lavoro su strutture immerse nel terreno, nonché le problematiche e gli oneri connessi alla presenza di pile in alveo e le incertezze nella realizzazione di tali interventi, l’ipotesi di demolizione e ricostruzione del ponte. L’amministazione è alla ricerca di finanziamenti adeguati, essendo necessari circa 4 milioni di euro.

Piove anche sul bagnato. Una serie di perdite alla condotta idrica sottostante la sede stradale obbliga la chiusura del ponte San Carlo da lunedì 8 a mercoledì 10 aprile. L’interdizione al traffico è stata programmata da Comune e Viva Servizi per attenuare i disagi agli automobilisti, in particolare per l’ingresso e l’uscita dalla città nelle primissime ore della mattinata. Pertanto, il divieto di transito scatterà alle ore 8.30 e durerà fino alle ore 18 di ciascuno dei tre giorni. Durante tale fascia oraria, i residenti di Minonna e quanti scendono a Jesi dalla Statale 362 (provenendo da Santa Maria Nuova, Filottrano, ecc.) potranno entrare in città o percorrendo Via Piandelmedico o immettendosi nella superstrada per poi procedere verso le uscite di Jesi est o Jesi ovest.

La chiusura del ponte è determinata dalla necessità, da parte di Viva Servizi, di dover occupare con i propri mezzi l’intera carreggiata per poter eseguire al meglio i lavori. La stessa Viva Servizi procederà a realizzare la cartellonistica che informerà con largo anticipo delle limitazioni alla circolazione.