Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi aderisce alla rete dei “Comuni Ciclabili”. Al via la gara virtuosa

L’amministrazione sposa il progetto lanciato dalla Fiab onlus a livello nazionale, che valuterà diversi parametri assegnando i “Bike Smile” alla città

JESI – Comuni Ciclabili, l’amministrazione aderisce all’iniziativa. Parte ufficialmente la “gara virtuosa” per ottenere più “Bike Smile” possibili.

La Federazione Italiana Amici della Bicicletta – Fiab onlus – è un’associazione ciclo-ambientalista italiana, con una storia trentennale, che ad oggi conta oltre 160 associazioni aderenti su tutto il territorio nazionale e quasi 20.000 soci attivisti. Essa promuove l’uso della bicicletta per la mobilità urbana e il turismo sostenibile, con azioni di sensibilizzazione e proposte rivolte ai cittadini e alle istituzioni, a livello locale, nazionale ed europeo. Fra queste, appunto, “Comuni Ciclabili”, per permettere alle amministrazioni di “misurare” le azioni intraprese volte a migliorare la ciclabilità dei loro territori.

«Non è una semplice raccolta di dati – si spiega dalla giunta -, ma una sorta di gara virtuosa che individua le città più a misura di ciclista, sia per la mobilità quotidiana, sia per l’esperienza turistica, sull’esempio di molte città europee che già adottano standard avanzati. Ai Comuni che chiedono a Fiab il riconoscimento di “Comune Ciclabile” e che dimostrano di averne i requisiti, viene dato risalto con l’assegnazione di un numero di “Bike Smile” che va da uno a cinque, sulla base dei punteggi ottenuti. Tutte le amministrazioni partecipanti riceveranno l’attestato e una bandiera da esporre con l’indicazione dei “bike smile conquistati”».

L’obiettivo è quello di entrare nella “Guida ai Comuni Ciclabili d’Italia” (a diffusione gratuita on line) in cui sarà evidenziato il riconoscimento del grado di ciclabilità concesso da Fiab, attraverso l’esame dei requisiti proposti. «Il progetto – si evidenzia ancora da piazza Indipendenza – coglie l’obiettivo di proporre una nuova offerta in ambito turistico, può consentire di destagionalizzare i flussi di visita e di realizzare un approccio sostenibile ad un territorio già molto conosciuto ed apprezzato per le proprie bellezze paesaggistiche e il suo equilibrio naturale. Il Comune, del resto, è impegnato da diversi anni nello sviluppo della rete ciclabile nel proprio territorio al fine di aumentare l’utenza ciclistica, nell’istituzione delle “uso corsia” a favore dei ciclisti e nel promuovere iniziative volte a favorire la mobilità ciclabile, come ad esempio il ”giretto d’Italia”».

Sul territorio, sottolinea ancora il Comune, sono presenti una serie di piste ciclabili previste dal Biciplan comunale e alcune sono in fase di realizzazione (es: via Martin Luther King- Via Gallodoro, Ciclovia Adriatica….).