Jesi, addio a Luigi Perticaroli. «Un gran signore, di quelli che oggi mancano»

Una persona che ha segnato la crescita e lo sviluppo del divertimento nel territorio della Vallesina, dagli inizi ad oggi. A ricordarlo Davide Zannotti, proprietario dell'Hemingway Cafè, e Lamberto Vignaroli, proprietario della pizzeria Il Pepito

Luigi Perticaroli

JESI- Una giornata molto triste per Jesi. Luigi Perticaroli è venuto a mancare all’età di 71 anni.

Tante le persone che hanno desiderato ricordarlo sui social. Luigi ha segnato la crescita e lo sviluppo del divertimento nel territorio della Vallesina, dagli inizi ad oggi. A ricordarlo Davide Zannotti, proprietario e direttore artistico dell’Hemingway Cafè di Jesi:

«Luigi è un personaggio storico per il nostro settore, collaborava già nella gestione del primo Paradise di Monsano vivendo in prima persona gli albori del divertimento locale, quando a Jesi uscivi in una città deserta e potevi andare solo da Francois al Centrale o al Medioeva e Tanto Tutto e Troppo di Gino Sampaolesi per incontrare qualcuno, ma lui era una persona estremamente riservata e mai si vantava di niente.

Per anni poi ha lavorato alla Siae di Jesi, in una gestione quasi familiare in cui ti portava i programmi musicali direttamente al locale favorendo chi come noi baristi è sempre compresso in mille faccende, un servizio d’altri tempi che non dimenticheremo più. Gentile e disponibile con tutti, mai una parolaccia, un gran signore, di quelli che purtroppo oggi mancano in questa società superficiale ed egoista».

Anche Lamberto Vignaroli, proprietario della pizzeria Il Pepito di Jesi e grande amico di Luigi, lo ricorda con grande affetto: «Rivivo proprio adesso le belle vacanze in Puglia con le mogli, dove si mescolava il buon mangiare, il mare e la passione per l’arte e la storia. Una bella persona e un grande amico. Sarà dura senza».

I funerali si sono tenuti oggi pomeriggio, 11 novembre, presso la chiesa di San Massimiliano Kolbe, a Jesi. Luigi lascia la moglie Oriana e le figlie Cristiana e Maria.