Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Federfarma Ancona, la donazione per le mamme. «Per le mascherine forse siamo allo sblocco»

Nella sede Farmacentro di Jesi la consegna alla Protezione Civile di pannolini, detergenti, prodotti per i bimbi destinati a 300 famiglie in difficoltà. Ma il presidente Avitabile ha anche fatto il punto sul tema delle chirurgiche a prezzo calmierato

A sinistra Lorenzo Mazzieri, referente provinciale della Protezione Civile, e a destra il presidente di Federfarma Ancona Andrea Avitabile. Sullo sfondo i volontari per ricevere la donazione

JESI – «Le mascherine chirurgiche a prezzo calmierato? Sembra, speriamo, che la situazione si stia sbloccando. Per una settimana siamo andati avanti dando fondo alle scorte delle farmacie, ora la loro disponibilità sul territorio è a macchia di leopardo». A dirlo il presidente di Federfarma Ancona Andrea Avitabile, a margine della consegna, presso la sede Farmacentro di Jesi, di pannolini, detergenti, prodotti per l’igiene donati alla Protezione Civile per la distribuzione a trecento famiglie in difficoltà economica della provincia.

Il presidente di Federfarma Ancona Andrea Avitabile, con i volontari della Protezione Civile

A ricevere la donazione Lorenzo Mazzieri, referente provinciale della Protezione civile. Il primo carico sarà destinato a otto famiglie con bambini residenti nella provincia di Ancona: circa 200 confezioni di pannolini e detergenti corpo e capelli. Seguiranno altre consegne. «Aiuteranno – spiega Mazzieri – mamme e bambini ospiti di quattro strutture protette e altri nuclei familiari che fanno i conti con la crisi per l’emergenza Covid-19. La fornitura è stata calcolata sul bisogno per due mesi per ciascun bambino. Abbiamo chiesto aiuto a Federfarma e abbiamo ricevuto pronta risposta. Una gratificazione anche per il lavoro quotidiano dei nostri oltre mille volontari nelle Marche».

Evidenzia Avitabile: «Con questa donazione abbiamo voluto rispondere a un’esigenza specifica della Protezione Civile. Spesso si pensa a generi alimentari o a vestiario ma serve anche altro, soprattutto se ci troviamo di fronte a bambini con meno di due anni di età. Con questo gesto vogliamo ringraziare tutti i volontari che in questa emergenza si sono adoperati per la popolazione anche a supporto delle farmacie, se guardiamo alle consegne a domicilio di medicine».

La donazione di Federfarma Ancona alla Protezione Civile

Resta caldo intanto il tema mascherine. Secondo Avitabile: «Dopo il Decreto Arcuri si è creata confusione. Le farmacie si sono impegnate ma hanno terminato le scorte e ora siamo in attesa dell’arrivo di queste mascherine. Sembra che la situazione si stia sbloccando e già dai prossimi giorni si potranno trovare». Chiarisce il presidente provinciale Federfarma: «Le forniture non possono che arrivare dall’estero, perché la produzione italiana, specie delle ditte che si sono riconvertite a fronte dell’emergenza, difficilmente può sostenere il prezzo calmierato indicato. Ora a ciascuna farmacia si riesce a fornire, ad andar bene, un pacco da 50 mascherine al giorno, che dura poco o niente. Parliamo di un bene di cui prima nessuno aveva necessità e pressoché sconosciuto al pubblico, al punto da collocare tutta la produzione fuori dall’Italia perché non redditizia. E che ora è di consumo, con prezzi accresciuti alla fonte dai costi di trasporto e dall’urgenza».