Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Demolizione vecchio ospedale di Jesi, il Comune alza la voce

L'assessore ai lavori pubblici Roberto Renzi considera «inspiegabile» l'attesa per far partire l'abbattimento della struttura da parte dell'Asur Marche. E torna a sollecitare le ruspe

L'ospedale di Jesi di viale della Vittoria
L'ospedale di Jesi di viale della Vittoria

JESI – Aumenta il costo di demolizione del vecchio ospedale di viale della Vittoria e il Comune provvede a stanziare nuovi fondi. Ma le ruspe ancora non accennano ad arrivare. La struttura, di proprietà all’88% dell’Asur Marche, deve essere demolita. Da cinque anni ormai, l’accordo è stato siglato. C’è qualcosa, tuttavia, che blocca i lavori.

Torna a farsi sentire l’amministrazione comunale. «Ci stiamo chiedendo da un po’ il perché di questo ritardo – afferma l’assessore ai lavori pubblici, Roberto Renzi -. Stiamo sollecitando da tempo l’Asur Marche, questa attesa è inspiegabile. Per ben due volte abbiamo approvato i progetti che ci sono stati formalizzati dall’azienda sanitaria, ma non si riesce a partire. È incredibile. Chiediamo che le cifre disponibili vengano subito utilizzate per demolire il vecchio ospedale, evitando che incrementi il degrado dell’immobile, con annesse conseguenze».

Procederà a rilento, molto probabilmente, anche il piano di recupero dell’area. «È prevista – anticipa sempre Renzi -, una piazza aperta su viale della Vittoria, con parcheggi, attività commerciali e residenziali, e locali per il terziario». Chiaramente, inciderà la situazione del mercato immobiliare, messo di nuovo a dura prova dal Coronavirus.

La cifra complessiva necessaria per la demolizione sarà di 1,5 milioni di euro. Il contributo dovuto dal Comune per l’abbattimento, essendo proprietario dell’area al 12%, equivale a 186.594,10 euro, già stanziati. L’auspicio è che l’intervento venga effettuato prima della fine dell’anno.