Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Prende la pensione per dieci anni senza diritto, truffata l’Inps

Ad incassare l’assegno per una invalidità civile è stata una donna, la cui ultima residenza risulta essere a Cupramontana, che si è intascata 32mila euro

ANCONA – Per dieci anni ha incassato una pensione di invalidità civile anche se non ne aveva più diritto. Adesso una macedone di 59 anni, la cui ultima residenza risulta essere a Cupramontana, rischia di finire a processo per appropriazione indebita.

L’assegno, poco più di 260 euro al mese, lo ha continuato ad incassare nonostante avesse lasciato l’Italia dal 2008, portandosi via dalle casse pubbliche poco più di 32mila euro. Fino al 1 febbraio del 2018 l’ente previdenziale le ha accreditato la cifra perché l’imputata non avrebbe comunicato all’Inps di aver lasciato il paese per ritornare in quello suo di origine. Tornando all’estero la 59enne, stando all’accusa, avrebbe perso il diritto a riscuotere l’assegno mensile di assistenza, una previdenza economica che decade dal momento in cui si lascia l’Italia. Ci sono voluti però dieci anni prima che l’Inps, grazie ad un controllo incrociato della pubblica amministrazione, si accorgesse dell’ammanco e si attivasse con una denuncia per riavere indietro la somma.

Ieri mattina (16 novembre) era in programma l’udienza preliminare, al tribunale di Ancona, davanti alla gup Paola Moscaroli che ha rinviato però al 15 febbraio per dare modo di rintracciare l’imputata e notificargli la pendenza penale. La macedone è difesa dall’avvocato Giuliano Natalucci.

LEGGI ANCHE: Incassa la pensione del marito morto e fugge a Panama: ricercata dall’Interpol