Jesi: arresti domiciliari per il giovane aggressore

Il romeno di 22 anni aveva sferrato un pugno e minacciato con coltello e punteruolo un uomo di Cupramontana, Il fatto ieri, 17 aprile, presso l'Arco Clementino, dove erano intervenuti i Carabinieri

carabinieri-gazzella

JESI – È stato arrestato il romeno di 22 anni, M.A., residente  a Jesi, che in stato di ubriachezza, verso le 17.30 di ieri, 17 aprile, aveva aggredito con un forte pugno un cuprense, C.G., 43 anni, causandogli ferite al volto e la rottura di due denti tanto che per lui si era reso necessario l’intervento dell’ambulanza e il trasporto al pronto soccorso (leggi l’articolo).

luogotenente-fiorello-rossi
Il luogotenente Fiorello Rossi comandante della Stazione Carabinieri di Jesi

Il fatto era avvenuto presso l’Arco Clementino e i Carabinieri della Stazione di Jesi, agli ordini del luogotenente Fiorello Rossi, dopo essere intervenuti e aver anche sequestrato all’aggressore un coltello e un punteruolo con i quali aveva minacciato il rivale – i due si conoscono – procedendo nell’istruttoria e dopo aver ascoltato i testimoni, hanno successivamente condotto il 22enne presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Questa mattina la direttissima: l’arresto è stato convalidato e il romeno rimesso in libertà. Chiesti i termini a difesa e giudizio fissato per il 29 maggio.