Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Coronavirus, il Panathlon di Jesi aderisce all’appello di Elisa Di Francisca

Contributo alla raccolta fondi della Comunità Vallesina Aiuta Onlus, costituita da Comune e Asp e presieduta dalla campionessa, per l’acquisto di attrezzature necessarie alla terapia intensiva dell’ospedale Carlo Urbani

Il Panathlon Club di Jesi

JESI – Il Panathlon di Jesi aderisce alla raccolta fondi della Comunità Vallesina Aiuta Onlus, costituita da Comune di Jesi e Asp Ambito 9, con la somma di 600 euro, destinata all’acquisto delle attrezzature necessarie per la terapia intensiva all’Ospedale Carlo Urbani di Jesi. Lo comunica il presidente del Club di Jesi, Andrea Moriconi. Nei giorni scorsi, l’appello in favore della raccolta da parte della campionessa olimpica Elisa Di Francisca, che presiede la Fondazione ed è socia onoraria del Club Panathlon di Jesi.

La Fondazione “Vallesina Aiuta Onlus” si propone di svolgere opera di supporto finanziario nei confronti di soggetti pubblici e privati che svolgono attività di assistenza delle persone bisognose e, secondo lo statuto, perseguire finalità di solidarietà sociale, di beneficenza e di assistenza nel territorio dei Comuni della Vallesina che fanno parte dell’Ambito territoriale sociale IX di Jesi.

Elisa Di Francisca premiata a Kazan (Foto Bizzi)

«Sono molto felice di sapere che il Panathlon partecipa alla nostra raccolta fondi – ha detto Elisa Di Francisca– indispensabili in un momento così particolare e drammatico della nostra vita. Direi che siamo a buon punto nella raccolta fondi, destinati sia alla ricerca sia all’acquisto di attrezzature. Per la situazione che stiamo vivendo è indispensabile contare sull’aiuto di coloro che possono. All’Ospedale servono, lo stiamo verificando proprio ora, attrezzature e macchinari, non ce ne sono a sufficienza. Il Sistema Sanitario ha molto bisogno e un giorno che l’emergenza sarà finita si dovrà continuare su questa strada con caparbietà e risolutezza. Bisogna e bisognerà insistere sulla Sanità, come facciamo anche noi atleti che rappresentiamo la nostra Nazione in ogni competizione».