Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Confapi Padova alla scoperta della Vallesina

L'associazione di imprese veneta ha organizzato un tour di due giorni al fine di connettere le aziende fra loro e scambiare conoscenze fra territori. Tappe da Loccioni e alla Moncaro

ROSORA – Connettere le imprese del territorio e non solo. Con questo obiettivo la Confapi Ancona, associazione di imprese, ha organizzato un mini tour di alcune delle eccellenze imprenditoriali della Vallesina per la delegazione di imprese associate a Confapi Padova che giungerà in provincia di Ancona per una due giorni di conoscenza e di scambio di esperienze. Si comincia oggi con la visita all’azienda Loccioni di Rosora per proseguire, sabato, con quella alle Cantine Moncaro di Montecarotto.

«La sartoria tecnologica in cui ogni sistema di misura, controllo, automazione, per il miglioramento della qualità e dell’efficienza di prodotti e processi che viene progettato e realizzato su misura per il cliente come è la Loccioni – ha detto Michele Mencarelli, vice presidente di Confapi Ancona che guiderà la delegazione con il segretario Michele Montecchiani – abbinato alla sapienza nel produrre vini di qualità esportati in tutto il mondo come fa Moncaro, sono il biglietto da visita che abbiamo scelto per questo primo incontro, convinti che la costante cura alla ricerca per migliorare i prodotti, la loro storia e le loro performance, facciano di queste realtà due eccellenze del territorio che meritino di essere conosciute».

L’attività congiunte delle due associazioni locali di Ancona e Padova che fanno capo a Confapi proseguirà con ulteriori incontri sia in terra veneta che nelle Marche.

«Siamo convinti – ha concluso Mencarelli – che da iniziative come queste possano nascere interessanti sinergie in territori a forte vocazione imprenditoriale e che il confronto su metodologie di lavoro e di produzione siano un arricchimento per tutti gli imprenditori”. La delegazione di Confapi Padova sarà guidata dal presidente Carlo Valerio e dal direttore Davide D’Onofrio».