Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, il Comune cerca sei under 28 per ridurre l’analfabetismo digitale

Il bando è rivolto a disoccupati non iscritti a nessun corso di studi o corso di formazione. Il progetto rientra nell’ambito del servizio civile

Il Comune di Jesi

JESI – “Ridurre il fenomeno dell’analfabetismo digitale, apportando un aumento ed un miglioramento delle capacità e delle competenze digitali dei cittadini, dei comuni coinvolti nel progetto, utili per dialogare con le istituzioni sociali e culturali, al fine di avviare una inclusione digitale generazionale”. È l’obiettivo del progetto “Comuni digitali” del Bando Servizio Civile Garanzia Giovani. Sei gli under 28 che l’amministrazione sta cercando, disoccupati e non iscritti a nessun corso di studi o corso di formazione.

Fra le attività previste, l’analisi dei fabbisogni formativi dei cittadini che si rivolgeranno agli sportelli dei Comuni e realizzazione del materiale informativo sia cartaceo che digitale sui corsi rivolti agli stessi, la prima accoglienza dei cittadini che chiederanno di accedere al servizio di “facilitazione digitale” predisposto dagli enti, l’orientamento e la guida per l’accesso ai corsi e il supporto nell’utilizzo degli strumenti digitali. Inoltre, la progettazione dell’intervento formativo con realizzazione di materiale informativo di supporto per la gestione dei servizi offerti dagli enti e relativo caricamento nel sito del comune.

Non solo. I sei giovani, di età compresa fra i 18 e i 28 anni, si occuperanno anche della gestione dell’intervento formativo con attività di supporto ai formatori e ai partecipanti ai corsi sulle competenze digitali, l’assistenza all’utenza nella fruizione del patrimonio museale attraverso un percorso che vede la realizzazione di fotografie e video dei materiali presenti nelle sedi di attuazione a cui si intende dare maggiore risalto, predisponendo anche descrizioni specifiche al fine di organizzare i materiali in videoclip che possano maggiormente attirare i giovani verso i luoghi culturali (Museo Federico II Stupor Mundi, Ufficio Turismo). Infine, la realizzazione e pubblicazione dei post sui canali social dei musei civici e l’invio di inviti in occasioni degli eventi periodici che verranno realizzati con un’attività anche di assistenza all’utenza sia online che in presenza.

Ai giovani NEET impiegati nel progetto saranno riconosciuti:
€ 444,30 a titolo di assegno mensile all’operatore volontario;
– € 10,00 a titolo di eventuale rimborso di viaggio per partecipazione a giornate di studio organizzate dalla Regione Marche;
– Una copertura assicurativa stipulata per tramite della Regione Marche;
– Una formazione generale e specifica della durata minima di 80 ore.

I progetti avranno una durata di 10 mesi con un orario previsto pari a venticinque ore settimanali.

La scadenza delle domande è fissata per il 15 settembre. Qui le informazioni: https://www.arciserviziocivile.it/jesi/2022/07/26/bando-servizio-civile-garanzia-giovani/