Chiaravalle: carabinieri tornano nella casa del delitto, trovato denaro

I militari questa mattina hanno effettuato una perquisizione approfondita nell'appartamento di via Verdi, dove è stata uccisa Emma Grilli. La salma è ancora sotto sequestro giudiziario

I carabinieri davanti alla palazzina di Chiaravalle dove Emma Grilli è stata trovata morta
I carabinieri davanti alla palazzina di Chiaravalle dove Emma Grilli è stata trovata morta

CHIARAVALLE – Trovato denaro in contante a casa di Emma Grilli, l’85enne uccisa a coltellate nell’appartamento di via Verdi. I carabinieri del Reparto Operativo sono tornati nell’abitazione questa mattina, per una perquisizione più approfondita, dopo i rilievi del Ris di Roma. Sono stati i militari a trovare le banconote, una somma ancora da quantificare. I carabinieri stanno cercando se mancano anche oggetti di valore come oro e gioielli anche se non è chiaro cosa possedesse la vittima. Dalla perquisizione potrebbero emergere altri dettagli utili a chiarire chi e perché abbia ucciso l’anziana, finita a coltellate. Uno dei moventi presi in considerazione degli inquirenti è quello economico, una rapina finita male, anche se non sarebbe il filone principale seguito. Si attendono gli esiti delle analisi sul coltello da cucina, trovato in casa sporco di sangue e ritenuto l’arma del delitto. Un accertamento, relativo alle impronte e ad eventuali tracce di sangue lasciate dall’assassino, che sta facendo il Ris di Roma. L’arma è stata sequestrata la settimana scorsa ed era stata trovata sopra ad un mobiletto della cucina, non molto distante dal corpo della donna. Intanto il funerale dell’85enne non è stato fissato. La salma è ancora sotto sequestro giudiziario.