Jesina e Cartellino Giallo, Polita ridimensiona: «Accertamenti per soli 30 mila euro»

«Esaminato l’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate emesso a seguito del rapporto della Guardia di Finanza effettuato nell’aprile 2019. Quanto riportato il 4 luglio scorso - dice l'ex presidente leoncello - assume quindi la sua reale portata»

Marco Polita, ex presidente della Jesina Calcio
Marco Polita, ex presidente della Jesina Calcio ed ex sindaco di Jesi

JESI – «Anche a nome di alcuni ex dirigenti della Jesina Calcio preme comunicare che è stato esaminato, sommariamente l’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate dell’8 ottobre 2019 emesso a seguito del rapporto della Guardia di Finanza effettuato nell’aprile 2019. L’importo contestato si aggira intono ai 30 mila euro, più accessori, ivi compresa la sanzione per una presunta irregolarità che la Commissione Tributaria Provinciale ha già affermato non sussistere».

Interviene così l’ex presidente della Jesina Calcio Marco Polita, con riferimento alla vicenda Cartellino Giallo che aveva suscitato un deciso clamore nell’ambiente sportivo regionale.

«Quanto riportato, su comunicato degli accertatori il 4 luglio, scorso, sugli organi di informazione – continua – assume quindi la sua reale portata».

«La restante parte dell’avviso di accertamento verrà esaminata dalla Commissione Tributaria Provinciale su probabile ricorso dell’attuale proprietà con gli ex dirigenti (che comunque saranno garanti all’interno del rapporto dare/avere degli eventuali effetti), i quali interverranno a sostegno della tesi della assoluta regolarità fiscale della passata gestione».