Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Calcio, anche il CT della Nazionale Roberto Mancini positivo al Covid

L’allenatore jesino è asintomatico e in isolamento fiduciario nella sua casa di Roma. A renderlo noto la Figc, che ha comunicato l’esito dei controlli effettuati sugli staff azzurri in vista del ritorno in campo

Roberto Mancini
Roberto Mancini

JESI – Anche Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio, è positivo al Covid-19. L’allenatore jesino è asintomatico. A renderlo noto la Figc, che ha comunicato l’esito dei controlli effettuati sugli staff azzurri in vista del ritorno in campo delle Nazionali nei prossimi giorni.

«Nell’ambito dei controlli periodici effettuati dalla Figc per i componenti degli staff tecnici delle Nazionali in vista dei prossimi impegni nelle competizioni Uefa, il Ct Roberto Mancini è risultato positivo al Covid-19» fa sapere la Federazione.

«Del tutto asintomatico, nel rispetto delle disposizioni vigenti, il tecnico degli Azzurri si è posto in isolamento fiduciario presso la propria abitazione a Roma. La Figc ha tempestivamente avvisato la Asl territorialmente competente. Il Ct potrà aggregarsi al raduno della Nazionale a Coverciano una volta completato il percorso previsto dalle norme e dai protocolli Uefa Return to play e Figc».

La Nazionale di Mancini è previsto scenda in campo la prossima settimana in amichevole con l’Estonia (11 novembre a Firenze) e poi per l’impegno di Nations League con la Polonia a Reggio Emilia (15 novembre). Il 18 altro match di Nations League a Sarajevo con la Bosnia Erzegovina.

Due settimane fa, una vignetta in tema condivisa e pubblicata da Mancini in una sua storia social, che sembrava sminuire la portata dell’emergenza, aveva suscitato polemiche. Il tecnico poi si era scusato: «Ho soltanto condiviso una vignetta che mi è sembrata sdrammatizzare un momento così complicato. Tutto qui. Non c’era alcun messaggio sottinteso e nessuna intenzione di mancare di rispetto ai malati e alle vittime di covid-19, se così fosse me ne scuso».