Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Borsa di studio “Sandro Paradisi” a Jesi, nel segno dell’Imprenditore di Territorio

«Mio padre era convinto che per produrre valore si deve creare valore», dice Gaia Paradisi, a.d. di Paradisi srl, e figlia dell'illuminato uomo d'azienda scomparso lo scorso gennaio. A un diplomato del Marconi Pieralisi il sostegno per gli studi

Da sinistra Tommaso Cioncolini, Massimo Bacci, Gaia Paradisi, Tiziana Paradisi

JESI – «Mio padre era convinto del fatto che per produrre valore è necessario che un’azienda crei valore». Così Gaia Paradisi, amministratrice delegata della Paradisi srl, presenta la borsa di studio “Sandro Paradisi” intitolata a suo padre, imprenditore illuminato scomparso in maniera improvvisa lo scorso gennaio. «Ci raccontava spesso – prosegue – di come aveva sempre desiderato iscriversi all’università ma, per vicende familiari, non aveva potuto. L’università l’ha vissuta attraverso noi figlie: interessandosi non ai nostri voti ma ai contenuti delle materie dei nostri esami. Perciò questa borsa di studio è l’iniziativa giusta: per la maturazione dei giovani nello studio, per la crescita culturale del territorio, per consolidare il legame che da sempre l’azienda Paradisi ha con la scuola».

A ottobre l’uscita del bando annuale del valore di 1.500 euro che per il 2020 vedrà come destinatario uno dei ragazzi diplomato all’Istituto di Istruzione Superiore “Marconi Pieralisi” di Jesi e intenzionato a intraprendere un percorso universitario. La valutazione delle candidature avverrà entro il mese di dicembre, effettuata da una commissione formata da docenti della scuola e esperti dell’azienda. Insieme a Gaia ci sono Tiziana Paradisi, sorella di Sandro, e a salutare con favore l’iniziativa il sindaco Massimo Bacci e Tommaso Cioncolini, consigliere comunale nella veste di docente del Marconi Pieralisi.

«Non me ne vogliano gli altri – ha ricordato Bacci – ma ho sempre ritenuto Sandro Paradisi l’imprenditore più avveduto di questo territorio. Sempre proiettato al futuro, consapevole che il capitale umano è la vera ricchezza e la forza di un’azienda. Ricordo quando ho visitato l’azienda, la passione e l’entusiasmo con cui spiegava il funzionamento dei vari macchinari, l’orgoglio di aver riconvertito alle nuove mansioni i dipendenti. Ha lasciato una grande testimonianza a tutti noi». Evidenzia Cioncolini: «Il dialogo costante con il mondo della scuola che l’azienda Paradisi ha mantenuto e portato avanti nel tempo, una collaborazione non scontata fra il mondo dell’impresa e quello della formazione, spesso separati. Il che rappresenta una grande lacuna per questo Paese».

Ricorda Gaia: «Nostro padre ci ha educato, insieme a nostra madre, al valore dello studio, della cultura e all’amore per il bello e il buono. Ha sempre pensato che la Paradisi, una torneria di precisione, doveva essere attrattiva per giovani motivati e interessati a lavorare con noi. In questa prospettiva ci lascia un compito speciale: alimentare il rapporto con la Scuola e con le prossime generazioni. Ci piace pensare che istituire la Borsa di Studio “Sandro Paradisi” possa essere un gesto concreto, come è nel suo stile, perché la memoria diventi progetto».

La Borsa di Studio “Sandro Paradisi” ha un doppio valore. Per la famiglia significa prolungare la generazione di bene che Sandro ha sempre posto al centro del suo essere Imprenditore di Territorio. L’Azienda Paradisi dal canto suo conferma il suo impegno come Benefit Corporation, nella convinzione profonda che la sola massimizzazione del profitto non è più sufficiente a creare dei valori duraturi e che diventa necessario utilizzare il business come forza positiva per la crescita del territorio nel quale l’impresa opera. La Paradisi è una delle 2.300 aziende certificate B-Corp in tutto il mondo di cui 85 in Italia. Certificata Benefit Corporation nel dicembre 2016, l’Azienda Paradisi è l’unica B-Corp Jesina e rinnova la sua certificazione a febbraio di quest’anno, confermando l’impegno nel rispettare i rigorosi standard previsti per prestazioni sociali e ambientali, responsabilità e trasparenza. Con l’istituzione della Borsa di Studio “Sandro Paradisi” aggiunge una nuova “azione sociale” per rafforzare il legame con i collaboratori, la comunità, i fornitori e i clienti nel pieno rispetto dell’ambiente.

La Borsa si colloca, all’interno di un percorso lungo e ricco di attenzioni verso i bisogni di Jesi e del Territorio. Sono davvero tante le attestazioni di gratitudine che la Paradisi ha ricevuto per aver sostenuto la realizzazione del Murales presso l’Ospedale “Carlo Urbani” di Jesi. «Ci piace molto l’idea del Team Technicalz – afferma Gaia Paradisi – di dare un volto di donna alla carità e facciamo nostra l’idea che “Il principio fondamentale della medicina è l’amore”. In questa prospettiva vogliamo rinnovare il nostro grazie a tutte le persone impegnate sul fronte della cura e dell’assistenza”. Già nel 2014 con la partecipazione al restauro della Pala del Perugino, la Paradisi, insieme ad altre imprese virtuose del territorio, si fa portavoce di un’economia della bellezza che produce non solo beni ma anche bene, bellezza, cultura. Così come oggi 14 settembre primo giorno di scuola per i ragazzi marchigiani – continua Gaia Paradisi – ci piace pensare ai giovani di Pievetorina che potranno tornare regolarmente a scuola ed essere accolti in ambiente moderno grazie allo sforzo dell’Associazione “Succisa Virescit”, di cui siamo soci fondatori, che ha garantito i fondi per la ricostruzione».

La scelta di istituire la Borsa di studio “Sandro Paradisi” avviene in un contesto socio-economico di grande complessità. Nonostante l’improvviso passaggio generazionale, l’Azienda Paradisi conferma nel primo semestre del 2020 le sue principali caratteristiche di solidità, di capacità di reazione e di esplorare nuove strade e accogliere sfide innovative. Il prossimo ottobre è previsto il consueto appuntamento annuale della B-Corp Jesina per presentare il “Report Integrato 2019” – redatto secondo gli standars internazionali GRI per la rendicontazione della sostenibilità economica, sociale e ambientale – a tutti gli stakeholders aziendali e della Vallesina che contribuiscono ai risultati dell’impresa e alle stimolanti sfide future di mercato.