Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Senza luce e acqua calda: l’odissea delle famiglie di Maiolati

Il blackout è avvenuto ieri, intorno alle 6.35. Probabilmente all'origine del guasto c'è la caduta di alcuni rami provocata dalla neve. «Decine di chiamate, ancora non si è presentato nessuno», dicono i protagonisti

Maiolati Spontini

MAIOLATI SPONTNI – Da più di un giorno senza la luce, è un’odissea per almeno sei famiglie che vivono nelle campagne di Maiolati Spontini.

«La luce è andata via lunedì mattina (17 dicembre) alle 6.35 – raccontano le famiglie interessate dal blackout – Abbiamo segnalato il guasto all’Enel alle 8. Sia l’operatore che la risposta automatica dell’Enel ci avevano assicurato l’intervento tempestivo di un addetto ai lavori: all’inizio dovevano risolvere in giornata, poi in serata ma siamo ancora nella stessa situazione da più di 24 ore».

Probabilmente all’origine del guasto c’è la caduta di alcuni rami provocata dalla neve. Le famiglie dormono accanto al camino. «In zona viviamo in circa sei famiglie, tutte abbiamo fatto la segnalazione all’Enel ma ancora non abbiamo riscontri. L’assessore Irene Bini si è messa in contatto con noi per sapere se abbiamo bisogno di qualcosa. Stiamo andando avanti con le candele e il fuoco del caminetto: abbiamo passato la notte con i bambini accanto al fuoco». Disagi per le persone ma anche per gli animali: «Agli animali dobbiamo macinare il cibo ma non possiamo utilizzare gli attrezzi. Il frigorifero non funziona, teniamo il latte sul davanzale della finestra. Nel congelatore si rovinerà tutto, fortuna che abbiamo il fornello a gas ma manca l’acqua calda. I bambini hanno fatto i compiti a lume di candela».

Ieri le scuole erano aperte, ma i bambini che abitano in zona hanno raggiunto gli istituti con le auto dei genitori perché la strada è ghiacciata. Sulla riparazione del guasto: «Non sappiamo niente, hanno rinviato tante volte che non abbiamo più certezze e probabilmente stasera saremo ancora in queste condizioni».