Bianconeri Amarcord: campioni al Paradise

Martedì 7 marzo al Paradise di Monsano la prima edizione del premio per celebrare i campioni storici della Juventus. Conviviale e asta di beneficenza in favore del Comune maceratese di Pieve Torina colpito dal sisma: ospiti Marco Tardelli, Massimo Bonini, Moreno Torricelli, Fabrizio Ravanelli

JESI – Un poker d’assi bianconero: ospiti Marco Tardelli e Massimo Bonini, Fabrizio Ravanelli e Moreno Torricelli. E una serata evento per oltre 800 persone e con la presenza anche di grandi nomi del giornalismo sportivo nazionale. Con qualcosa in più ad arricchire la prima edizione del “Premio Bianconeri Amarcord”, in programma martedì prossimo 7 marzo a partire dalle 19 al Paradise Playcenter di Monsano. «Il comitato organizzatore – spiega il presidente, l’avv. Carlo Mocchegiani – si è posto come obiettivo sostenere il progetto “Una scuola per i ragazzi di Pieve Torina”, volto appunto alla raccolta fondi per finanziare la ricostruzione della Scuola per i Ragazzi del Comune del maceratese colpito dal sisma. Il tutto avverrà tramite la messa all’asta benefica delle maglie autografate dell’attuale prima squadra della Juventus. Il ricavato verrà interamente devoluto a tale scopo e consegnato al sindaco di Pieve Torina».

Ricorda Mocchegiani: «La conviviale sarà curata dallo chef Marco Cimarelli Seta dell’omonima “Trattoria da Seta” e dagli chef Bomprezzi e Seritelli dell’Istituto Alberghiero “Panzini” di Senigallia. In ricordo della manifestazione sarà consegnata agli ex calciatori che hanno fatto la storia della Juventus e ai giornalisti una scultura appositamente realizzata per la serata dall’artista Massimo Ippoliti».

Insieme ai campionissimi delle Juventus di Giovanni Trapattoni e Marcello Lippi, ovvero Tardelli (l’indimenticabile “urlo Mundial” di Spagna ’82), Bonini, Torricelli e Ravanelli, annunciata la presenza del direttore di Tuttosport Paolo De Paola, di Antonio Barillà del Corriere Dello Sport, Matteo Dalla Vite della Gazzetta Dello Sport, Marco Civoli di Rai Sport, Giovanni Guardala’ di Sky, Guido D’Ubaldo del Corriere dello Sport Stadio. Madrina della serata e conduttrice Eva Crosetta. Dice Mocchegiani: «Scopo della manifestazione, che verrà organizzata ogni anno, è festeggiare e rivivere bei momenti con grandi calciatori che hanno fatto la storia della Juventus, e inoltre dare un piccolo contributo a chi si trova in una situazione di difficoltà».