Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Cinica Aurora, batte Faenza e torna in corsa per i playoff

Gli arancioblu hanno la meglio sulla diretta concorrente per la post-season. Determinante la prestazione del nuovo arrivato Quarisa, che porta muscoli e canestri

JESI – Una bella Aurora batte Faenza, appaiata in classifica a 20 punti, e torna in corsa per i playoff. Applausi dall’Ubi Banca Sport Center.

Ritorna sul parquet il capitano arancioblu Riccardo Casagrande, che entra subito in partita, mentre restano in tribuna causa infortunio il giovane Noah Giacchè e ovviamente Marko Micevic. Avvio equilibrato fra le due squadre, che evitano di sbilanciarsi. A due minuti dal termine del primo parziale fa il suo esordio in maglia aurorina l’ex Andrea Quarisa, che si fa immediatamente sentire sotto le plance.

Alla ripresa del gioco, la prima fiammata jesina con due triple in fila di Giampieri e Migliori. Gli uomini di coach Marcello Ghizzinardi prendono coraggio, anche approfittando di una panchina finalmente adeguata in termini numerici. Gli ospiti, comunque, non mollano e sospinti da Sgobba, Bruni e Oboe restano appiccicati.

Quarisa, al rientro in campo, piazza quattro punti di forza, ma soprattutto aumenta l’intensità difensiva dei suoi, mandando in confusione la Rekico. Il suo impatto è determinante e consente agli arancioblu di portarsi avanti, arrivando ad accumulare un vantaggio di 17 punti.

Sicura di sé, forse troppo, Jesi si lascia recuperare quasi tutto l’ampio vantaggio, commettendo errori assolutamente evitabili. Tornano a crederci anche i tifosi giunti dall’Emilia Romagna per seguire i propri beniamini. Che infatti si riportano a -6. Passano cinque lunghissimi minuti prima che l’Aurora riesca a segnare due punti con Casagrande. Due recuperi molto belli di Sgorbati danno un pizzico di ossigeno ai padroni di casa. A 3 minuti dalla sirena è +9. Poi arriva la quasi tripla di Bottioni, che allarga le braccia al cielo. Gli ospiti non si arrendono e con due bombe si riportano a -5. Una novantina di secondi ancora da giocare. Quarisa, autore di 16 punti, si inventa letteralmente un appoggio a canestro allo scadere dei 24” e a chiuderla è Bottioni. Sul finale, schiacciatone del pivot jesino che fa arrabbiare Faenza.

Aurora Jesi – Rekico Faenza: 77-68 (18-19, 42-36, 61-46)

Spettatori: 946

Exit mobile version