Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, sì alle bandiere “provvisorie” sui balconi. Sanzioni per tutte le altre

Il nuovo regolamento di polizia urbana, votato dal consiglio comunale, prevede l'esposizione di vessilli dai balconi solo per particolari ricorrenze. Altrimenti serve l'autorizzazione

JESI – Bandiere sui balconi solo in via temporanea. Altrimenti va chiesta l’autorizzazione. E si rischiano sanzioni da 80 a 500 euro. È quanto prevede il nuovo regolamento di polizia urbana approvato ieri, 3 febbraio, dal consiglio comunale. Un aspetto che ha fatto discutere maggioranza e opposizione, per il quale è stato anche presentato un emendamento con l’obiettivo di lasciare piena libertà ai cittadini di esporre bandiere dalle proprie abitazioni.

Il sindaco Massimo Bacci, a tale proposito, ha segnalato che vi sono state lamentele e liti sulla questione fra condomini, soprattutto in centro storico. Ovviamente, durante il dibattito, si è anche scherzato sulle bandiere delle squadre del cuore dei consiglieri comunali. Il nuovo regolamento, in buona sostanza, consente di esporle fuori dalle finestre solo per brevi periodi.

«Per il tempo strettamente necessario – si legge – è consentito esporre sui balconi in occasioni di eventi sportivi, culturali, religiosi, sociali, politici, sia locali che a livello nazionale bandiere o quant’altro identifichi l’appartenenza del soggetto/i all’evento in corso». La minoranza teme che possa verificarsi il caso in cui vengano contattati i vigili urbani persino per una bandiera della Pace sul balcone, obbligandoli di fatto a intervenire.

Fatto salvo quanto previsto dal Regolamento edilizio, dal Regolamento sui mezzi pubblicitari e le insegne, nonché dalle apposite ordinanze sulla installazione delle tende, si legge nella norma, «la collocazione o la modificazione di fari, luci, lanterne, tende, targhe, bacheche, bandiere e simili, non costituenti mezzo pubblicitario, è soggetta ad autorizzazione comunale».

Si rischia una multa da 80 a 500 euro, insomma, se si espone una qualsiasi bandiera senza autorizzazione, che non sia legata a eventi precisi e che non abbia carattere temporaneo.