Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Bagni a Porta Valle, il Pd Jesi chiede una soluzione

Il consigliere Andrea Binci denuncia la situazione dei servizi igienici al capolinea delle autocorriere, invocando una riqualificazione complessiva a tutela delle esigenze di cittadini, pendolari, studenti e turisti

JESI – Chiusi per guasto. Così si presentano, spesso, i bagni a Porta Valle. Una situazione su cui Andrea Binci del Pd interroga l’amministrazione comunale, alla luce delle tante persone che transitano in zona durante il giorno.

«Tra le modalità di trasporto più utilizzate per raggiungere la nostra città – spiega l’esponente democrat del consiglio comunale – c’è sicuramente il servizio di autocorriere, per lavoratori pendolari e per turisti. Nella stazione della autocorriere cittadina non sono presenti dei servizi igienici pubblici, ma al massimo ci sono quelli della pizzeria, se e quando funzionanti. Tale situazione non è certo accettabile per la quantità di persone che arrivano e partono dalla nostra città, oltre al personale degli autisti. Le stesse compagnie di trasporto hanno sollevato il problema di avere dei servizi igienici adeguati per la stazione delle autocorriere cittadina».

Binci ricorda che «in sede di bilancio era stata presentata da parte del gruppo del Partito Democratico la richiesta di anticipare la riqualificazione straordinaria dei servizi igienici pubblici al 2020, ma purtroppo tale proposta non è stata accolta. Più in generale, i servizi igienici pubblici della città si trovano in uno stato di completo abbandono, a partire da quelli in Viale della Vittoria. A differenza, ad esempio, di quelli della stazione ferroviaria».

Il Pd chiede pertanto, mediante interrogazione, «quali provvedimenti ha inteso adottare l’Amministrazione Comunale o come intende trattare la questione relativa ai servizi igienici pubblici, alla luce delle criticità».