Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, gli autorizzati ad accedere in centro con l’auto ricevono i contatti di tutti gli altri

La Polizia locale sbaglia il file da inviare e inoltra un documento elettronico con numeri di telefono e indirizzi mail di tutti gli altri aventi diritto ad entrare dentro le mura

JESI – «Per un errore, nella mail inviata ieri dalla polizia locale ai cittadini autorizzati all’accesso alla Ztl – con la quale si ricordava di lasciar libere le piazze dalle auto per il mercato del sabato – è stato allegato un file contenente i dati di
contatto (indirizzi, mail o numero di telefono) di coloro che sono o erano in possesso di tale autorizzazione». A darne notizia è l’amministrazione comunale.

Immediatamente resisi conto dell’accaduto, fanno sapere dal Comune, «agli stessi è stata inviata una mail di scuse pregando di cancellare quella erroneamente inviata. Allo stesso tempo è stato contattato il Dpo (data protection officer), vale a dire il professionista esterno responsabile della gestione del trattamento dei dati personali del Comune di Jesi, informandolo dell’accaduto, fornendo l’allegato della mail inviato e spiegando accuratamente lo svolgimento dei fatti».

Il Dpo, in base alle disposizioni di legge, ha 72 ore di tempo per esaminare la questione ed esprimere le proprie valutazioni. «L’Amministrazione comunale, rinnovando le scuse per quando spiacevolmente accaduto – assicurano da piazza Indipendenza -, attende serena le comunicazioni del Dpo e, una volta ricevute, assumerà le adeguate determinazioni. Va chiarito, fin da subito, che i dati inseriti nel file non sono in alcun modo classificabili, in base al codice della Privacy, come dati sensibili (rientrando in quest’ultima sfera quelli relativi allo stato di salute, razza, convinzioni religiose o opinioni politiche)».