PS8, al PalaTriccoli di Jesi c’è la Protezione Civile

Sabato prossimo 18 maggio l'8° Giornata Prevenzione e Sicurezza sui 28 mila metri quadrati dell’area verde fra gli impianti sportivi di via Tabano. Protagonisti oltre 560 studenti della primaria Conti e della secondaria di primo grado Federico II

Da sinistra Mauro Perugini e Lorenzo Mazzieri della Protezione Civile, il vice comandante della Polizia Locale di Jesi Filippo Peroni, l'assessore alla Protezione Civile del Comune di Jesi Roberto Renzi

JESI – Oltre 560 ragazzi delle scuole primaria Federico Conti e secondaria di primo grado Federico II saranno, nella mattinata di sabato prossimo 18 maggio, ospiti della 8° Giornata Prevenzione e Sicurezza – PS8 sui 28 mila metri quadrati messi a disposizione dell’area verde fra il palasport Ezio Triccoli e il polisportivo Cardinaletti.

La manifestazione didattica e informativa è l’atto conclusivo del progetto che porta nelle aule professionisti ed esperti della Protezione Civile e del comparto della prevenzione e della sicurezza. Nelle scuole si è svolta l’attività formativa, sabato mattina nei pressi degli impianti sportivi di via Tabano saranno allestiti e affrontati dai ragazzi due percorsi, uno più ludico per gli alunni delle primarie e l’altro più pratico per quelli delle medie, mentre gli studenti saranno informati su procedure e mezzi utilizzati.

palasport Jesi
Nella zona del palasport anche a supporto del Centro operativo comunale di protezione civile

L’iniziativa, giunta all’ottava edizione (in realtà nove, tenuto conto dello sperimentale “atto zero” di inizio), è stata presentata da Mauro Perugini, coordinatore dei volontari della Protezione Civile regionale, e da Lorenzo Mazzieri, coordinatore di Protezione Civile della provincia di Ancona, che l’ha ideata insieme ad Alessio Avaltroni. Con loro l’assessore alla Protezione Civile del Comune di Jesi, Roberto Renzi, e il vice comandante della Polizia Locale Filippo Peroni. Da quest’anno il progetto vede riconosciuta la sua importanza anche a livello di istituzioni europee.

«L’obiettivo- spiega Mazzieri– è la formazione di giovani e giovanissime, facendo maturare in loro la consapevolezza dell’importanza di saper affrontare l’emergenza. Negli incontri in classe si spiega quanto viene fatto in tema di prevenzione e sicurezza, con esame finale e consegna di un attestato. Si arriva poi alla giornata conclusiva. Ci saranno 260 volontari della provincia di Ancona, i gruppi di Fermignano e Cingoli coi loro mezzi, 190 operatori delle forze dell’ordine, quasi 200 mezzi». Prevista anche la presenza di una rappresentanza dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dell’Aeronautica militare con un simulatore aereo e una stazione meteo, della collaborazione con il comitato dei genitori dei piccoli pazienti cardiopatici dell’ospedale di Torrette di Ancona.

Dice l’assessore Renzi: «Lavoriamo alla promozione di una cultura della sicurezza. E in questa direzione stiamo organizzando, di concerto con l’assessore alla partecipazione Paola Lenti, di una serie di incontri nei quartieri dove parlare del Piano di emergenza di Protezione Civile predisposto dal Comune di Jesi».