Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Semaforo out in viale del Lavoro, ci vorrà tempo per sistemarlo

Lo fa sapere il Comune di Jesi: «I tecnici hanno riscontrato che il guasto è dovuto al danneggiamento della scheda elettronica e si è preso contatto con la ditta per richiederne una nuova. La viabilità è ad ogni modo assicurata»

Il semaforo guasto all'incrocio fra viale del Lavoro e via Marche

JESI – Ci vorranno ancora alcuni giorni per sistemare il semaforo all’incrocio tra Viale del Lavoro e Via Marche. Lo fa sapere il Comune di Jesi. «I tecnici comunali prontamente intervenuti per verificare il guasto, hanno riscontrato che lo stesso è dovuto al danneggiamento della scheda elettronica- spiega Piazza Indipendenza– pertanto si è preso contatto con la ditta per richiederne una nuova».

«La viabilità– proseguono dal Comune- ad ogni modo, è assicurata tramite uno spartitraffico che impedisce la svolta a sinistra da chi risale da Viale del Lavoro e che dispone l’obbligo della svolta a destra per chi proviene da Via Marche. Soluzioni queste che limitano i disagi, anche in virtù del fatto che la successiva rotatoria, all’incrocio con Via Ancona, consente a chi è diretto verso la zona cimitero e San Marcello di tornare indietro e riprendere regolarmente la propria direzione di marcia».

La gestione dell’incrocio fra viale del Lavoro e via Marche

Sempre a proposito di semafori, è in programma entro il 2020 la realizzazione di almeno tre nuovi impianti con sensori acustici e pavimentazione tattile a tutela delle persone non vedenti. L’intervento di sostituzione con i nuovi impianti, parzialmente finanziato con un contributo ministeriale, è previsto agli incroci di Viale San Francesco con Via Paladini e Viale Verdi e in Viale Cavallotti all’incrocio con Viale Verdi e Via Grecia.

Da aggiungere infine che, nei prossimi giorni, saranno attivate le telecamere di controllo ai semafori posti agli altri due incroci di Viale del Lavoro, quello con Viale della Vittoria e quello con Via San Giuseppe. «Una misura, questa, che sarà ampiamente pubblicizzata e comunque segnalata con apposita cartellonistica, proprio perché la finalità è esclusivamente quella di rafforzare le misure di sicurezza in due incroci altamente pericolosi per gli utenti deboli della strada».