Jesi, un milione di euro dalle multe sulle strade

È quanto l’amministrazione comunale, in sede di definizione del bilancio di previsione per il 2020, ha stimato di incassare da conducenti indisciplinati. Definendo anche quale sarà la destinazione

polizia-locale
La sede della Polizia Locale di Jesi in piazza Indipendenza

JESI – Un milione di euro di introiti derivanti dalle multe per violazioni al Codice della Strada. È quanto l’amministrazione comunale, in sede di definizione del bilancio di previsione per il 2020, ha stimato di incassare da conducenti indisciplinati. Definendo anche quale sarà la destinazione di quella fetta di entrate che, in questo campo, è per legge vincolata ad usi specifici.

Dal milione di euro vanno stralciati 260 mila euro destinati al Fondo Crediti di dubbia esigibilità. Ovvero quelle cifre dovute ma di cui non è assolutamente certa, è anzi evidentemente difficile, la riscossione integrale e che per questo vanno accantonate. Restano quindi 740 mila euro, sui quali piazza Indipendenza conteggia la quota del 50% delle entrate dalle multe- 370 mila euro– da ripartire obbligatoriamente fra le aree riguardanti il finanziamento di spese collegate a manutenzione e sicurezza stradale e più in generale il mantenimento e potenziamento dell’attività del Corpo della Polizia Locale.

Dunque ecco che 92.500 euro serviranno a interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente. Stessa somma servirà invece al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale. Infine 185 mila euro saranno utilizzati fra manutenzioni di infrastrutture stradali (141.500), il controllo degli attraversamenti pedonali in prossimità delle scuole (18.500) e il fondo di assistenza e previdenza della Polizia Locale.