Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Jesi, assunzione urgente in Comune per gestire i cantieri imminenti

Il Comune intende avvalersi di un professionista a tempo determinato per poter seguire con più attenzione i lavori pubblici previsti nei prossimi mesi

Piazza della Repubblica e la sede del Comune di Jesi
Piazza della Repubblica e la sede del Comune di Jesi

JESI – Riqualificazione di Corso Matteotti, nuova scuola Lorenzini, ristrutturazione del plesso di via Asiago, centro Alzheimer, e riqualificazione della scuola Savoia-Borsellino. Sono i principali cantieri che l’amministrazione intende avviare nell’ultimo biennio di mandato. Per farlo, verrà assunto un professionista a tempo determinato al fine di integrare la squadra municipale e limitare ulteriori appalti esterni. «Nelle more dell’avvio e conclusione delle procedure concorsuali per l’assunzione a tempo indeterminato delle due figure di “istruttore direttivo tecnico” – spiegano da piazza Indipendenza – è comunque necessario potenziare il Servizio Lavori Pubblici e manutenzioni dell’Area Servizi Tecnici con un altra figura professionale, considerato che nella seconda parte dell’anno sono da avviare importanti opere pubbliche».

Occhi puntati, innanzitutto, su Corso Matteotti, il cui cantiere verrà avviato a inizio 2021. Da fine agosto, però, gli operai inizieranno a lavorare nelle stradine laterali, come concordato con i commercianti del centro storico. Altro intervento atteso è la realizzazione della Lorenzini, inghippi legali permettendo. Per la nuova scuola è stata individuata una zona differente da quella dell’originaria, oggi demolita, in viale Verdi: un’area di proprietà comunale in via Schweitzer. In ballo un progetto da poco meno di 4 milioni, a copertura dei quali l’amministrazione comunale ha contratto un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti ma che conta anche su un finanziamento ministeriale di 1,7 milioni.

Da monitorare, inoltre, le ristrutturazioni dei plessi di via Asiago, che tanti problemi sta causando a genitori e amministratori, e della Savoia-Borsellino. Si attende anche il centro Alzheimer, finanziato con 800 mila euro da Cassio Morosetti, che in un anno dovrebbe essere ultimato. Sarà argomento di campagna elettorale, invece, lo spostamento della fontana dei leoni e l’eventuale restyling di piazza della Repubblica, sempre richiesto dal compianto disegnatore, che ha donato ben 2 milioni di euro per realizzare questo suo ultimo desiderio.