Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Area Vasta 2, in arrivo medici per gli ospedali di Jesi, Senigallia e Fabriano

Ecco il dettaglio. «Un impegno notevole da parte della Direzione, tanto più visto il momento segnato da gravi criticità di reperimento di figure di specialità. Va a coprire vuoti creatisi per diversi motivi, non ultimo una serie di pensionamenti»

JESI – Nuove assunzioni in Area Vasta 2, fra gli ospedali di Jesi, Senigallia, Fabriano e anche il carcere di Barcaglione. Lo comunica la direzione: «Con diversi atti pubblicati all’albo pretorio informatico in questi giorni si stanno potenziando gli organici dei presidi ospedalieri con figure professionali di diverse tipologie individuate sulla base del fabbisogno di personale ravvisato nelle varie unità operative».

Nel dettaglio sono stati assunti e ammessi in servizio con decorrenza mesi di luglio e agosto alcuni medici: «un incarico co.co.co in favore della Unità Operativa Oculistica di Senigallia che permette di supportare adeguatamente anche le visite oculistiche in urgenza al PS; un incarico co.co.co. per attività di medicina penitenziaria e di medicina e chirurgia di accettazione e d’urgenza presso il carcere di Barcaglione; l’assunzione a tempo determinato di due medici specializzandi in cardiologia (utilizzo graduatoria di concorso pubblico unificato) assegnati uno alla UOC Cardiologia di Senigallia e uno alla UOC Cardiologia di Jesi; assunzione a tempo determinato di un dirigente medico nella disciplina di medicina fisica e riabilitazione (tramite utilizzo graduatoria avviso pubblico) assegnato alla UOSD Riabilitazione Ospedaliera di Fabriano».

Inoltre, un «incarico co.co.co. – avviso manifestazione di interesse per attività di medicina penitenziaria e medicina e chirurgia di accettazione e d’urgenza (PS) a un medico specializzando presso la UOC Ortopedia e Traumatologia di Senigallia; un incarico co.co.co. a un medico abilitato per la Medicina e Chirurgia di accettazione e d’urgenza presso l’Ospedale di Jesi».

«Si tratta – spiega la dottoressa Nadia Storti, Direttore Generale ASUR e Direttore ad interim di Area Vasta 2 – di una serie di incarichi assegnati in diverse modalità, attingendo da graduatorie in corso, esiti di avvisi, tempo indeterminato, tempo determinato, contratti di collaborazione, a supporto di servizi e discipline ospedaliere. Un impegno notevole da parte della Direzione, tanto più visto il momento storico segnato da gravi criticità di reperimento di figure di specialità. Un rinforzo, dunque, per l’organico delle unità operative, in un’ottica strategica di management, che va a coprire dei vuoti creatisi per diversi motivi, non ultimo una serie di pensionamenti».