Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

“Afghanistan dimenticato, blackout sui diritti umani”, a Chiaravalle il racconto dei profughi

Il 29 luglio, presso il circolo Arci “Spazio Rosso”, a Chiaravalle, focus sulla crisi afghana ad un anno dalla presa di Kabul

Profughi in Bosnia

CHIARAVALLE – Non dimenticare la crisi afghana. È l’obiettivo dell’iniziativa promossa da Pangea e Amad, Associazione Multietnica Antirazzista Donne di Ancona “Afghanistan dimenticato, blackout sui diritti umani” che si terrà a Chiaravalle venerdì 29 luglio, presso il circolo Arci “Spazio Rosso”, a quasi un atto dalla ‘presa’ dei talebani.

Era il 15 agosto 2021 quando i talebani conquistarono Kabul, la capitale Afghanistan, dopo aver rovesciato il governo. L’associazione anconetana, insieme a Pangea, da un anno sta seguendo l’evoluzione della situazione in Afghanistan, precipitata in particolar modo negli ultimi mesi con il terribile terremoto avvenuto a fine giugno con uno sciame sismico che ancora prosegue, l’ondata di colera successiva e un governo incapace di gestire l’emergenza.

Tutto, in un contesto di diritti negati a donne, bambine, bambini e uomini, ripiombati nel terrore con i talebani, dopo l’abbandono delle forze Nato, tra cui l’Italia, che negli ultimi 20 anni avevano creato un’aspettativa di crescita e libertà, soprattutto per le giovani generazioni. Dramma nel dramma, quello delle etnie finite nel bersaglio, tra cui gli hazara, che ogni giorno rischiano la vita.

Un’emergenza umanitaria che si consuma nel silenzio da parte dei media. Ma non per Amad, che insieme ad una rete di associazioni come Pangea, sta cercando di portare in salvo quante più persone possibili, con un piccolo grande corridoio umanitario che finora ha portato ad Ancona decine di persone, tra singoli e famiglie. E la lista di coloro che chiedono aiuto è ancora lunga.

Durante l’incontro di Chiaravalle i profughi faranno sentire la loro voce e racconteranno le loro storie, per aprire un cono di attenzione su quello che è un vero e proprio blackout dei diritti umani. Insieme ai membri della comunità ci saranno Donatella Linguiti, presidente di “Amad”, Stefano Galieni, giornalista della rivista “Left” e Novella Mori, direttora della ong “Un ponte Per”. Ci sarà anche una performance, “Nessuno Risponde”, scritta e inscenata da donne e uomini afghani che attraverso questa forma di narrazione teatrale proveranno a trasferire il dramma personale e di comunità che hanno vissuto e che tanti connazionali stanno ancora vivendo, nel silenzio totale da parte di mezzi di informazioni e istituzioni. Previsto un momento conviviale con la degustazione di cibi afghani (prenotazioni via whatsapp al numero 3806842752) e un assaggio della cultura afghana attraverso canti, balli e abiti tradizionali.