Addio a Mario Fioretti, città in lutto

Dolore e sconcerto per l'improvvista scomparsa di Mario Fioretti

Atrio del comune di Jesi
Atrio del comune di Jesi

JESI – Si è spento all’età di 68 anni, stroncato da un malore che lo ha colto stamattina mentre portava a spasso il cane. Mario Fioretti, ferroviere in pensione, coordinatore del circolo del Pd del centro storico e storico custode del Palazzo dei Convegni, è stato una presenza costante e importante della vita politica cittadina. Stimato e benvoluto da tutti, lo jesino è stato soccorso dai sanitari che si sono precipitati nella zona sopra la chiesa di San Marco ma per lui non c’è stato nulla da fare. In molti si sono stretti al dolore della moglie Maria Grazia Sabbatini, sgomenti e attoniti per l’improvvisa scomparsa. Mario lo conoscevano tutti, con il beltempo o con la pioggia portava a spasso i cani con quel sorriso sulle labbra che lo contraddistingueva.

Lo ricorda Daniele Fancello: «L’Anpi esprime il proprio cordoglio per l’improvvisa scomparsa di Mario Fioretti. Esprimiamo le più sentite condoglianze ai familiari e al Partito Democratico. Resterà sempre vivo in noi il ricordo di Mario sempre allegro e disponibile con tutti». Un pensiero a Mario Fioretti anche a nome della Consulta per la Pace e delle associazioni che la compongono: «Non dimenticheremo mai la brava persona che eri, sempre cordiale e disponibile e sempre presente a tutti gli eventi in città, perchè tutti ti conoscevano e ti volevano bene!». «Mario, sempre gioviale e ironico, disincantato ma appassionato, serio e profondo – le parole di Enzo Giancarli, consigliere regionale del Pd – Conosceva tutto di Jesi, della sua città e la amava profondamente. L’ultima volta l’ho visto lunedì scorso alla direzione dell’unione comunale del Pd di Jesi: anche in quell’occasione non ha fatto mancare il suo contributo con un intervento pulito, genuino, pieno di passione».

La camera ardente è allestita al Carlo Urbani, aperta al pubblico da domani mattina alle 10. I funerali si terranno martedì 24 gennaio nella cattedrale di San Settimio alle ore 15.