Centro Pagina - cronaca e attualità

HOME REGIONALE

Preparativi per le nozze e partecipazioni: le cose da sapere

Il conto alla rovescia che culmina con il fatidico "sì" degli sposi è un percorso lungo e complesso. Si deve programmare ogni cosa nel dettaglio per fare in modo che quella giornata possa essere considerata memorabile

Il conto alla rovescia che culmina con il fatidico “sì, lo voglio” degli sposi è un percorso a ostacoli lungo e complesso. Nei mesi che precedono la data delle nozze, si deve infatti programmare ogni cosa nel dettaglio per fare in modo che tutto fili liscio e che quella giornata possa essere considerata memorabile. Gli invitati non stanno più nella pelle, fervono i preparativi anche nelle loro case e si inizia a creare un’atmosfera di pura magia nei giorni immediatamente precedenti l’evento con il grande rinfresco. Una volta che la proposta di nozze sia stata fatta, si devono definire dettagli di non poco conto quali la data e il luogo della cerimonia ma anche scegliere la location che ospiterà il ricevimento. Tutto dovrà essere messo a fuoco il prima possibile, poiché queste informazioni dovranno anche essere comunicate agli invitati. In che modo? Utilizzando le partecipazioni matrimonio, ovvero uno dei primi passi in assoluto da compiere per quanto riguarda i preparativi.

Quali sono le differenze tra partecipazione e invito

Bisogna fare subito una precisazione, distinguendo una volta per tutte le partecipazioni dagli inviti secondo quanto affermano le regole del galateo. L’annuncio ufficiale del matrimonio viene dato infatti con le partecipazioni, che contengono le info necessarie a prendere parte alla cerimonia (data, ora e luogo). I conoscenti oltre agli amici e parenti potranno così passare dalla chiesa per porgere un saluto agli sposi. Invece gli inviti vengono fatti a coloro i quali saranno chiamati a prendere parte all’evento nella sua interezza (sia celebrazione che ricevimento). Accade che, sarà utile precisarlo, ormai oggi le coppie inviino soltanto le partecipazioni al matrimonio all’interno delle quali vengono veicolate le info senza fare eccessive distinzioni.

La consegna delle partecipazioni e le info contenute

È la famiglia della sposa – secondo la tradizione – ad essere chiamata ad occuparsi delle partecipazioni, che dovrebbero essere consegnate a mano ai più cari amici e ai parenti (il resto può essere tranquillamente spedito). Le coppie moderne, ad ogni modo, si muovono molto liberamente a seconda di quelle che sono le loro comodità e capita che siano entrambe le famiglie ad occuparsi delle partecipazioni.

C’è anche chi ricorre alle partecipazioni di matrimonio online: esistono, infatti, molte piattaforme specializzate nell’offerta di questo servizio e il livello di personalizzazione che è possibile raggiungere è ormai davvero altissimo. Si dovrebbe provvedere alla consegna o alla spedizione delle partecipazioni almeno 6-8 mesi prima della data prescelta (soprattutto se ci sono parenti che arriveranno da lontano). Nel caso in cui il matrimonio sia per pochi intimi e in un luogo semplice da raggiungere, allora la consegna potrebbe essere effettuata anche due o tre mesi prima della celebrazione.

Le partecipazioni devono contenere al loro interno una scritta che invita gli ospiti a confermare la loro presenza – sia per telefono che per iscritto – con un anticipo di almeno un mese. Se è previsto si potrà indicare il dress code, così come sarà utile offrire le indicazioni stradali per raggiungere una location fuori mano.