Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Centro Pagina - cronaca e attualità

HOME REGIONALE

Garden Europa Azienda Florovivaistica
Garden Europa Azienda Florovivaistica

Nasce a Jesi il primo Brand Festival

Sette giorni, dal 26 marzo al 2 aprile, dedicati alla comunicazione e al marketing con al centro lo sviluppo di strategie di Branding, nazionali e locali

Brand Festival

Nasce a Jesi il Brand Festivalil primo festival italiano sull’identità di Marca. Sette giorni, dal 26 marzo al 2 aprile, dedicati alla comunicazione e al marketing con al centro lo sviluppo di strategie di Branding, nazionali e locali. Durante la settimana del Brand Festival negli antichi palazzi del centro storico, si svolgeranno workshop, laboratori, convegni, presentazioni ed incontri per professionisti, commercianti, aziende e appassionati, in un calendario ricco di contenuti e di occasioni di formazione. Il Brand Festival si rivolge a professionisti della comunicazione, del marketing ed agenzie specializzate, ma anche a imprenditori, artigiani, commercianti e studenti oltre che a tutti coloro che vogliono saperne di più sull’argomento. Si parlerà di Visual Merchandising, Marketing Turistico, Type Design, Look Style, Rebranding, Reputazione sui Social, Social media Intelligence, Linkedin for sales, Marketing culturale, Identità territoriali e molto altro, con l’obiettivo di dare strumenti e basi solide per comunicare bene l’identità: personale, di territorio e aziendale.

Il Festival, organizzato da Associazione Culturale Brand Festival con il coinvolgimento del Comune di Jesi e di numerosi enti e associazioni del territorio, nasce da una riflessione: la “Marca”, oggi, non è più un valore assoluto, ma si sviluppa con elementi inaspettati e si connette a fattori come il territorio, le imprese e le persone che lo vivono. Accade così che anche le grandi aziende affidino il racconto del proprio brand a storyteller locali e internazionali che basano la propria strategia sulle dinamiche delle piccole comunità. In un mondo in cui macro-territori e micro-territori si fondono ed il globale si intreccia con il locale, la “comunicazione” di una identità non può non tenere conto di un vissuto, di una narrazione di persone che si integrano con il posto in cui vivono e contribuiscono a delineare lo storia di un’impresa. L’evoluzione dell’identità di marca passa attraverso tutti questi elementi e si arricchisce di nuove sfaccettature, sempre più indispensabili. Creare un equilibrio fra personal branding, brand territoriale e identità di marca significa creare una sinergia fra persone, territorio e imprese.

Si apre il 26 marzo allo Studio per le Arti della Stampa e si prosegue a Palazzo della Signoria, Palazzo Pianetti, Palazzo Comunale, Palazzo Santoni; coinvolte anche le scuole di Jesi, con un focus per i ragazzi sull’uso dei social media, alcune agenzie di comunicazione per l’evento “Agenzie aperte” dal 3 al 9 aprile, i locali del centro storico per gli aperitivi con i Guru della comunicazione (il 29 marzo Luca Conti all’Hemingway Cafè, il 30 marzo Emanuela Ciuffoli al Jack Rabbit Brewpub Indipendente, il 31 marzo Giulia Bezzi a La Picca). Il grande evento finale sarà al Teatro Pergolesi domenica 2 aprile per una giornata di formazione, di incontro, di contaminazione e di crescita con alcuni fra i più importanti comunicatori italiani ed internazionali: sul palco si alterneranno ospiti d’eccezione come Marco Montemagno, Salvatore Russo, Elio Carmi, Alessandro Ubertis, Riccardo Scandellari, Alex Orlowski. Interverranno realtà nazionali ed internazionali come Wikipedia, Touring Club Italiano e Chiamarsi Bomber; ma anche eccellenze locali e le agenzie di comunicazione del territorio. Ingredienti unici che daranno vita ad una giornata formativa e di incontri di grande spessore, gratuita ed aperta a tutti. Sempre il 2 aprile, appuntamento al Mercato delle Erbe, per un “viaggio” culinario fra identità e tradizione.


Alex Orlowski, fra i massimi esperti internazionali di marketing politico online

Tra gli eventi, il 26 marzo alle ore 17,30 allo Studio per le Arti della Stampa, il convegno “Il ruolo del manifesto” con il collettivo “Pensiero Manifesto”, un insieme di persone che ha deciso di mettere a disposizione una lettura critica del contesto sociale e culturale in cui abita, utilizzando il linguaggio grafico ed uno specifico strumento: il manifesto d’affissione.

Nella stessa giornata inaugurano le due mostre ad ingresso libero “Lettering da Jesi” al Palazzo della Signoria, un progetto mirato alla ricerca di esempi di lettering urbani, e “L’immagine di un territorio: manifesti in città” allo Studio per le Arti della Stampa e nelle vetrine dei negozi del centro storico. Il 27 marzo appuntamento a Palazzo Santoni con il workshop “Visual Merchandising”. Il 28 marzo alle ore 18 il convegno “L’identità post sisma” al Palazzo della Signoria con Angelo Sciapichetti, Massimiliano Colombi, Marco Marcatili, Emanuele Frontoni e alle ore 21 al Palazzo Comunale con Federico Fontolan dello studio Nomisma.

Il 29 marzo alle ore 16 a Palazzo Pianetti si terrà il convegno “Musei senza frontiere” con Valentino Nizzo e Romina Quarchioni, e dalle ore 18 a Palazzo Pianetti il convegno “Cultura fuori dal Museo” con Simona Cardinali, Giuseppe Marco Tobias Faccanoni, Giuseppe Romagnoli. Il 30 marzo dalle ore 15 a Palazzo Pianetti il workshop “Ospitalità & Territorio, connubio vincente” con Michela Mazzotti. Il 31 marzo mattina Silvia Ciccomascolo sarà nelle scuole di Jesi per un incontro sui social media, mentre Luca Bozzato terrà a Palazzo Santoni il workshop “LinkedIn: Agganciare Buoni Clienti”; nel pomeriggio Alex Orlowski terrà un workshop a Palazzo Santoni su “L’evoluzione della viralità e del (non) ruolo degli influencer”, il workshop di Maria Katia Doria su “Lo stile che non passa mai | 5 verticale + 2 orizzontale” allo Studio delle Arti per la Stampa, ed infine il Convegno “L’etichetta e la comunicazione” con Attilio Coltorti e Jenny Paita dalle 18,30 allo Studio per le arti della Stampa. Il 3 aprile corso di Type Design con Sunday Büro presso lo Studio per le Arti della Stampa.

Gradara d'Amare