Centro Pagina - cronaca e attualità

HOME REGIONALE

In tv la creatività marchigiana. E così la cucina Mocaki entra in fiction

Un componente dell’arredo, realizzato dall'azienda di Camerano, fa da sfondo alle vicende famigliari nella serie Rai “È arrivata la felicità 2", in onda in questi giorni. La particolarità? Sono soluzioni cat friendly

La cucina nel set della fiction
La cucina nel set della fiction

ANCONA – C’è anche MobItaly in “È arrivata la felicità 2”, la fiction Rai in programmazione in prima serata alle 21.15 su Rai 1 dal 20 febbraio.

Un componente dell’arredo, esattamente una parete con due colonne della cucina Mocaki, realizzato dall’azienda di Camerano (An), fa da sfondo alle vicende famigliari nella romantica e vivace fiction. «Per noi è un motivo di soddisfazione professionale – dice Federico Frontalini, presidente MobItaly – perché siamo presenti in una fiction di grande successo con uno dei nostri prodotti più particolari. Il progetto di Mocaki viene così ad essere conosciuto da milioni di telespettatori dopo che, la nostra cucina dal design cat friendly, ha fatto in termini di comunicazione il giro del mondo. Anche il nostro prodotto, come la fiction, è un esempio della creatività del Made in Italy».

La cucina Mocaki è fabbricata con dei moduli pensati per facilitare la convivenza fra gli esseri umani ed i loro amati gatti di famiglia, ma i moduli bicolori, con i loro vani rotondeggianti, rappresentano anche elementi dal disegno particolarmente gradevole e innovativo.

MobItaly soc.coop è una azienda nata nel 2014, dall’incontro di giovani progettisti, falegnami ed artigiani desiderosi di dare una nuova vita al mobile italiano. Produce cucine componibili e complementi di arredo ed ha nel nome la sua mission: produrre mobili originali e di qualità, rispettosi della migliore tradizione italiana e nello stesso tempo aperti alle nuove tendenze del momento ed agli stimoli del design. Cucine, mobili personalizzati di design e allestimenti su misura sono realizzati nello stabilimento di Camerano di 5.700 mq dotato di pantografi e foratrici d’avanguardia.