Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Violenza contro le donne, la Polizia di Fabriano fa lezione a scuola

Meritoria iniziativa portata avanti dal commissario Capo della Polizia di Fabriano, Sandro Tommasi, durante questi ultimi giorni indirizzata agli studenti delle classi quinte delle scuole medie superiori della città

Uno degli incontri con gli studenti

FABRIANO – La Polizia di Fabriano insegna agli studenti il valore della donna. Il commissario Capo, Sandro Tommasi, ha promosso lezioni per educare a contrastare l’odioso fenomeno della violenza sulle donne.

Meritoria iniziativa portata avanti dal commissario Capo della Polizia di Fabriano, Sandro Tommasi, durante questi ultimi giorni indirizzata agli studenti delle classi quinte delle scuole medie superiori della città. Prendendo spunto dalle direttive del dipartimento di Pubblica sicurezza, implementate in tutta la provincia di Ancona dal Questore, Oreste Capocasa, che ha sollecitato un approfondimento della tematica anche in previsione della giornata di domani, 25 novembre, in cui si celebra la giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Tommasi ha inteso avvicinarsi ai neomaggiorenni proponendo loro una tematica di stretta attualità, approcciandola sotto molteplici punti di vista e con spunti inediti. All’iniziativa ha aderito entusiasta anche Cesira Carnevali, presidente di Artemisia Fabriano, associazione di promozione sociale che fornisce assistenza alle vittime di violenza fisica, sessuale e psicologica all’interno ed esterno della famiglia e che gestisce lo sportello Antiviolenza cittadino.

Gli incontri, di un paio di ore ciascuno, hanno trattato sia aspetti di diritto che pratici della problematica. Nello specifico il dirigente del Commissariato di Fabriano ha esposto gli strumenti giuridici previsti dall’ordinamento a tutela della donna vittima della violenza di genere ed ha evidenziato con numerosi esempi, i principali comportamenti molesti, spesso sfociati in reati, con i quali la violenza è tendenzialmente posta in essere. Inoltre, è stato sottolineato il ruolo della Polizia di Stato nella lotta a questa deprecabile fenomenologia anche attraverso il costante ascolto delle donne in difficoltà, per un semplice consiglio giuridico o per una parola di conforto. È stata anche messa in risalto la preparazione degli operatori per fronteggiare queste situazioni delicate.

Cesira Carnevali ha focalizzato il proprio intervento puntando sugli aspetti socio-culturali per confutare gli stereotipi e i pregiudizi che contribuiscono a creare disorientamento nelle donne vittime di violenza. In più ha illustrato il funzionamento dello sportello Antiviolenza di Fabriano.

Da parte loro, gli studenti hanno dimostrato particolare interesse alla problematica, tanto da avanzare numerose domande a Tommasi e Carnevali. Di particolare evidenza il fatto che molti di loro hanno chiesto informazioni su come sia possibile effettuare volontariato sia allo sportello Antiviolenza che proponendosi come ambasciatori per ulteriori incontri con tanto di volantinaggio per sensibilizzare i più giovani. Rimarcando la possibilità per tutte le donne di chiedere aiuto alla Polizia e la consulenza e il sostegno dell’associazione Artemisia.