Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Un weekend agrodolce per Daniel Mancinelli in Texas

Nella serie Sprintx (dove cioè corre in coppia con un altro pilota, Niccolò Schirò), il marchigiano ha vinto Gara 1, ma poi è stato inevitabile il ritiro in Gara 2 per i danni subiti dalla vettura in seguito ad un testacoda. Tra due settimane l'ultima gara del Pirelli World Challenge, in California

Niccolò Schirò e il marchigiano Daniel Mancinelli in Texas

FABRIANO – E’ stato un fine settimana dai due volti, quello appena trascorso, per il pilota automobilistico marchigiano Daniel Mancinelli, impegnato nel Pirelli World Challenge 2017 negli Stati Uniti, alla guida della Ferrari 488 GT3 del team TR3 Racing.

In Texas, al “Circuit of the Americas”, infatti, era in programma il nono appuntamento stagionale, il quinto della serie SprintX, cioè un tipo di gara particolare che prevede un equipaggio formato da due piloti, gare da 60 minuti invece di 50, con un pit-stop obbligatorio per cambio gomme e cambio pilota in una finestra di 10 minuti che si tiene a metà gara. Come già avvenuto nella vincente gara di metà agosto nello Utah, Mancinelli ha gareggiato in coppia con Niccolò Schirò.

Ebbene, parlavamo di weekend dai due volti perché in Gara 1 di sabato il duo italiano ha conquistato ancora una volta un brillante successo, ma poi in Gara 2 a causa di un incidente accorso a Schirò proprio poco dopo la partenza, è stato inevitabile il ritiro.

Ma andiamo per ordine, iniziando da Gara 1, sentendo le parole di Daniel Mancinelli. «La mia corsa è stata molto buona – ha commentato nel dopogara il pilota marchigiano. – Ho spinto molto nei primi giri, ma non ho trovato abbastanza velocità per superare la Cadillac di Taylor. Poi, dopo il cambio pilota, Niccolò (Schirò, nda) ha fatto un lavoro fantastico nella seconda parte e abbiamo centrato la vittoria».

A questo punto, stavano sorridendo a Mancinelli sia la classifica nella serie SprintX (dove era secondo), sia la classifica piloti generale (dove era vicinissimo al terzo posto).

Il giorno dopo, in Gara 2, i due piloti si sono avvicendati nell’ordine di guida. Ha iniziato Schirò, partendo dalla prima fila, ma alla seconda curva dopo il via è andato in testacoda e mentre si girava ha colpito la Cadillac. «Così, per noi, la gara è finita lì, a causa dei danni subiti dalla vettura – racconta Mancinelli. – Io ovviamente, che avrei dovuto guidare per secondo, non ho corso affatto». Non avendo preso punti in Gara 2, Daniel è scivolato dal 2° al 4° posto nella classifica SprintX, ed è rimasto 4° nella classifica generale, ma a ventuno lunghezze dal terzo posto.

Quello in Texas è stato il penultimo appuntamento del Pirelli World Challenge 2017, l’ultimo della serie SprintX. Ora al termine della stagione manca solo una gara, in programma nel fine settimana 15/17 settembre al Sonoma Raceway, in California, «dove correrò da solo e proverò a portare a casa due importanti risultati per finire la stagione nel migliore dei modi».

Resta un po’ di rammarico per com’è andata Gara 2 sabato scorso, ma anche la consapevolezza che «correre in America è sempre divertente ed eccitante», conclude Mancinelli.