Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano, un milione di euro per aiutare le imprese in difficoltà

La proposta avanzata da Cna, Confartigianato e Confcommercio è stata accolta dall'amministrazione comunale. Si pensa anche a sterilizzare la Tari per il 2021

La sede del Comune di Fabriano
La sede del Comune di Fabriano

FABRIANO – Un milione di euro a sostegno delle attività economiche di Fabriano in difficoltà, finanziato con l’avanzo di amministrazione in fase di presentazione del bilancio comunale: è quanto ha messo a disposizione l’amministrazione comunale di Fabriano, su spinta delle associazioni di categoria: Cna, Confcommercio e Confartigianato, che avevano chiesto con forza lo stanziamento di aiuti per le imprese e che hanno incontrato la giunta nella giornata di ieri, 23 marzo.

Presenti al summit, il sindaco Gabriele Santarelli, accompagnato dal vicesindaco Ioselito Arcioni e dall’assessore Barbara Pagnoncelli, oltre ai rappresentanti delle associazioni di categoria: Maurizio Romagnoli (Cna), Federico Castagna (Confartigianato) e Mauro Bartolozzi (Confcommercio). Questi ultimi hanno evidenziato le fragilità e condiviso le preoccupazioni per un sistema economico sociale già provato da anni di crisi e oggi pesantemente penalizzato dalle innumerevoli restrizioni imposte alle aziende a causa dell’emergenza sanitaria per la pandemia da Coronavirus.

«Abbiamo ribadito la necessità di un aiuto concreto e significativo a supporto delle attività in momento storico drammatico, di fortissima incertezza e difficoltà, in cui le Pmi e le partite Iva stanno comunque dando esempio di dignità e resilienza, pur non ricevendo sostegni adeguati da parte del governo centrale. Il criterio di perdita di fatturato del 30%, infatti, a prescindere dai codici Ateco, di fatto lascia a mani vuote la maggior parte delle imprese», riferiscono.

La proposta avanzata dalle associazioni di categoria è quella di sterilizzare la Tari per il 2021 e di mettere sul piatto un contributo pari a un milione di euro, da destinare principalmente a chi non ha percepito aiuti economici e a chi risulta tagliato fuori dalla soglia del 30%. «La formula dovrebbe essere quella dell’autocertificazione con controllo a campione con il monitoraggio delle associazioni di categoria. La proposta ha subito ricevuto parere favorevole dal Sindaco Santarelli che con Arcioni e la Pagnoncelli ha tenuto a rimarcare come l’Amministrazione sia pronta a supportare il sistema produttivo cittadino confermando anche le misure già approvate nel 2020 per la Tari. Ora è necessario individuare le categorie più colpite che necessitano di sostegni concreti, assieme a modalità e tempi certi per l’erogazione, sedendosi a un tavolo insieme all’amministrazione, per definire questi aspetti».

L’ultimo punto affrontato durante la riunione è stato quello relativo alla pianificazione degli eventi, Covid permettendo, necessari per animare Fabriano nei prossimi mesi, tra i quali la mostra su Allegretto Nuzi e il festival Remake. «Aspettiamo e vediamo cosa sarà possibile organizzare, di certo c’è la nostra soddisfazione per l’incontro e per questo ringraziamo la giunta comunale di Fabriano per la vicinanza e lo spirito collaborativo mostrato», concludono Maurizio Romagnoli (Cna), Federico Castagna (Confartigianato) e Mauro Bartolozzi (Confcommercio).