Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Un altro incontro vincente per il pugile fabrianese Federico Stroppa

Prosegue la crescita dell'atleta fabrianese Federico Stroppa: dopo l'esperienza in autunno alle Fiamme Oro, adesso combatte per la Boxing Arcesi, sempre a Roma, dove svolge gli studi al Foro Italico

Il pugile fabrianese Federico Stroppa durante un incontro con i colori delle Fiamme Oro

FABRIANO – Prosegue la crescita del pugile fabrianese Federico Stroppa, classe 1998 per 75 chili di peso. Già campione italiano giovanile Centro Nord nel 2015 e bronzo agli Italiani Youth 2016, lo avevamo lasciato a inizio settembre appena trasferitosi a Roma per gli studi universitari al Foro Italico e per allenarsi con le Fiamme Oro.

Lo ritroviamo, sempre nella capitale, reduce da un altro combattimento vittorioso per ko tecnico a Cinecittà contro William Podo, atleta di età (26 anni) e categoria superiore (78 chili) rispetto a Stroppa, ma sul quale il fabrianese è riuscito ad avere la meglio. Un incontro a livello regionale.

«Il primo round è stato molto combattuto – ci racconta Federico – poi, nel secondo, ho tirato una bella combinazione e con un diretto sono riuscito a colpirlo causandogli la lussazione della spalla. A questo punto l’arbitro ha dovuto fermare l’incontro. Ho disputato un buon match e mi sono comunque divertito».

C’è da dire che Stroppa, in questa occasione, ha combattuto per la Boxing Arcesi, palestra di cui fa parte da qualche mese. «Infatti allenamenti e orari con le Fiamme Oro erano troppo difficili da far combaciare con gli studi universitari – riferisce Federico – per cui, dopo un provino di un mese, dato che ne prendevano in squadra soltanto quattro, sono entrato nella Boxing Arcesi, una della migliori del Lazio. Resto comunque in contatto con il settore delle Fiamme Oro e presto mi piacerebbe provare a fare il bando per entrare nella loro prima squadra».

In precedenza, sul finire di ottobre, con i colori delle Fiamme Oro, il “nostro” Stroppa aveva già combattuto un altro intenso incontro, ma in quel caso aveva finito il match alla seconda ripresa a causa di una ferita al sopracciglio, con verdetto ai punti in parità.

Il 2018 è alle porte e Federico guarda ovviamente avanti. «Per l’anno prossimo il mio sogno sarebbe quello di partecipare e qualificarmi agli Universitari, speriamo bene…». Intanto, a marzo, per lui potrebbe esserci un’esperienza pugilistica anche in Francia.