Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Viabilità e inquinamento: «Lo svincolo Fabriano centro serve per la sicurezza dei cittadini»

È categorico il pensiero di Franco Berionni, portavoce di un comitato di cittadini che da anni si batte per questa possibilità e che attacca frontalmente la Giunta pentastellata a due anni dal suo insediamento

Panorama di Fabriano

FABRIANO – «Lo svincolo Fabriano centro è una “necessità” di cui, il comune di Fabriano, non può più fare a meno, anche se non rientra nelle priorità di codesta amministrazione, e forse le prossime elezioni le perderete anche per questo. Credo che un Comune non debba essere amministrato in ordine alle priorità, bensì in ordine alle necessità». È categorico il pensiero di Franco Berionni, portavoce di un comitato di cittadini che da anni si batte per questa possibilità.

«Nella tutela del patrimonio esistente l’Amministrazione comunale brilla per inefficienza. È sufficiente osservare l’assenza di segnaletica orizzontale e verticale necessaria, tra l’altro, per poter elevare contravvenzioni. Senza soffermarsi sulla situazione dei manti di copertura delle strade asfaltate dove brillano per carenza assoluta», scrive Berionni in una dura nota.

Tornando sulla necessità dello svincolo Fabriano centro, dal comitato si evidenzia, nuovamente, che l’opera «potrebbe essere realizzata con un finanziamento a fondo perduto “gratuito”, che non incide sul terremoto, e che il fondo, verrà cancellato se non utilizzato».

Un’altra necessità, urgente per la sicurezza dei cittadini, riguarda la frana di Moscano, «che probabilmente rimarrà lì ancora per anni. L’Amministrazione ritiene di dover spendere cifre esagerate, quando con poche decine di migliaia di euro la situazione potrebbe essere risolta. Credo che sia inutile parlare della sistemazione attuale della strada. Ai cittadini interessati è sicuramente noto. Nelle strade di questo comune si sta installando la fibra ottica degradando ulteriormente i fondi stradali. I ripristini, Sindaco Santarelli, vanno fatti “a regola d’arte” e il Comune deve controllare. Anche qui si nota l’assenza dell’Amministrazione e i cittadini, purtroppo, pagano e subiscono in silenzio».

Un quadro dipinto a tinte fosche e che giunge a due anni dall’insediamento della Giunta pentastellata di Fabriano, da parte del comitato che, in chiusura, torna sulla necessità dello svincolo. «Nelle vie principali della città – viale Dante, viale Zonghi, viale Moccia, viale XIII luglio da una parte e dall’altra e viale Stelluti Scala e viale Serafini – si rischia la vita ogni giorno, solamente per attraversare la strada.

La viabilità lascia a desiderare perché l’asfalto è usurato e ci sono avvallamenti, tanto che i camion e le auto che li percorrono producono rumori fastidiosi e insopportabili con un indice sonoro che potrebbe risultare nocivo ai numerosi residenti, senza dimenticare l’inquinamento prodotto dai gas di scarico degli autotreni e tir che vi transitano. Da questa Amministrazione, così efficiente, tale indice è stato mai misurato? Solo attuando lo svincolo Fabriano centro si possono risolvere i problemi suddetti, ma di ciò forse se ne potrà parlare con la prossima Amministrazione sperando che non sia peggiore di quelle che hanno precedentemente amministrato. Chiedere consigli a chi se ne intende di più non è vergogna. Vergogna è non fare nulla», si conclude la nota a firma di Franco Berionni.