Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

La statua del San Pietro Martire di Donatello torna a Fabriano

La scultura arriverà nella città della carta entro la prima metà di questo mese, dopo essere stata sottoposta a un'opera di restauro condotta a Firenze

Pinacoteca civica di Fabriano
Lo Spedale del Buon Gesù sede della Pinacoteca civica di Fabriano

FABRIANO – La statua del San Pietro Martire di Donatello torna a Fabriano. La scultura arriverà nella città della carta entro la prima metà di questo mese, dopo essere stata sottoposta a un’opera di restauro condotta a Firenze da Anna Fulimeni, sotto la direzione scientifica di Pierluigi Moriconi, storico dell’arte della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche. La statua era in uno stato di forte degrado, poiché alterata da cadute di colore e da verniciature realizzate nel corso degli anni.

Il San Pietro Martire

Il San Pietro Martire, santo domenicano vissuto nel Duecento, famoso predicatore e acerrimo nemico delle eresie, resta l’unica opera di Donatello attualmente presente in tutte le Marche e da questo mese sarà collocato nei locali della Pinacoteca civica “Bruno Molajoli” di Fabriano, che è stata recentemente riallestita e che ospita una ricca e prestigiosa collezione di arte medievale, moderna e contemporanea. La statua, da sempre custodita nella chiesa di San Domenico, era stata tradizionalmente ritenuta fino a pochi anni fa un’opera ottocentesca, a causa delle numerose ridipinture sovrapposte.

Il primo a riconoscere la mano dello scultore fiorentino era stato Fabio Marcelli, docente di Storia dell’Arte presso l’Università di Perugia, seguito da molti altri studiosi, tra Giancarlo Gentilini, massimo esperto del tema. La scultura era stata presentata come opera certa di Donatello nella mostra Fece di scoltura di legname e colorì. Scultura del Quattrocento in legno dipinto a Firenze tenutasi a Firenze 4 anni fa e curata da Alfredo Bellandi. Quindi, la lunga fase di restauro che finalmente ha trovato conclusione.

Certamente, non appena la pandemia da Coronavirus lo permetterà, è intenzione dell’amministrazione comunale procedere a un evento per sottolineare l’importanza di poter avere, fra i propri tesori conservati nella Pinacoteca civica, di un’opera di Donatello. Il tutto per riprendere il cammino verso un potenziamento dell’appeal turistico-culturale della città della carta.

«Spero che per Fabriano possa essere una grande occasione per rafforzare il turismo culturale – ha commentato l’assessore di Fabriano alla Cultura, Ilaria Venanzoni -. La nostra Pinacoteca ha una collezione fra le migliori in Regione. E ora ci arricchiamo molto di più. Mi piacerebbe quando riusciremo a riaprire il Museo, poter fare una bella inaugurazione come merita il San Pietro Martire di Donatello. Un bel dibattito scientifico e un evento in genere».