Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: parte la stagione del teatro dei ragazzi, il punto della Venanzoni

L'assessore alla Cultura snocciola i dati relativi alle varie proposte in scena quest'anno al Gentile

Il teatro Gentile
Il teatro Gentile

FABRIANO – Ai nastri di partenza la stagione dedicata ai ragazzi al Teatro Gentile di Fabriano. Questo pomeriggio, 19 gennaio alle 17, il primo appuntamento. «Tre appuntamenti che integrano la stagione di prosa dedicata ai più grandi, come la stagione sinfonica e della Lirica. Il teatro Gentile si conferma polo culturale d’eccezione sul quale l’Amministrazione comunale ha deciso di puntare in modo evidente», il commento dell’assessore di Fabriano alla Cultura, Ilaria Venanzoni.

E certamente fra gli esponenti della Giunta pentastellata fabrianese più attiva e si conferma tale anche presentando il nuovo appuntamento con la stagione dedicata ai ragazzi, promossa dal Comune con l’Amat e il contributo di Regione Marche e MiBACT. L’assessore Venanzoni snocciola i dati decisamente a suo favore. «Lavorando in sinergia con tanti soggetti siamo riusciti a promuovere il Teatro Gentile e la cultura che attraverso il teatro si può irradiare sempre di più. È vero che per la stagione di prosa ci sono stati circa 20 abbonamenti in meno, sono complessivamente 243, ma è altrettanto evidente che il numero dei biglietti acquistati per i singoli spettacoli proposti è decisamente buono. E poi, oltre alla prosa, quest’anno, abbiamo organizzato altre due stagioni di livello: i tre appuntamenti della Lirica con 112 nuovi abbonati e i 155 abbonati per la stagione sinfonica», evidenzia la Venanzoni.

Intanto, oggi pomeriggio, il primo dei tre appuntamenti dedicati ai più giovani con lo spettacolo di ATGTP: Federico condottiero e la città ideale di Lucia Palozzi, in scena con Enrico Marconi, per la regia condivisa di Fabrizio Bartolucci, Sandro Fabiani e Simone Guerro. Un attore e un’attrice in scena giocano a rappresentare Federico di Montefeltro e gli altri personaggi significativi della sua vicenda storica. Si divertono a montare e smontare, muovendosi con agilità tra il tempo storico e quello contemporaneo, coinvolgono il pubblico in un racconto leggero come il vento di Urbino. La stagione proseguirà il 2 febbraio con Fratellino e fratellina di Asini Bardasci e ATGTP, di e con Filippo Paolasini e Paola Ricci, spettacolo menzione speciale al Premio Scenario Infanzia 2018 che nasce dalla fiaba di Hansel e Gretel e ne prende le ceneri per trasformarsi in un racconto moderno. La conclusione del trittico di proposte è il 22 marzo con Cenerentola di RanciaVerdeBlu, una commedia musicale tratta dalla favola di Charles Perrault, una favola a lieto fine che farà riflettere gli spettatori, piccoli e grandi, in compagnia di Cenerentola, la Fata, la Matrigna, le Sorellastre e il Principe.