Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano, il sindaco Santarelli replica a FdI sui tempi lunghi degli uffici comunali

Il primo cittadino non si nasconde dietro un dito: «È innegabile che alcuni uffici stiano registrando delle difficoltà nel rispondere in maniera tempestiva alle richieste dei cittadini. È soprattutto l'ufficio dell'Edilizia Privata a necessitare di un supporto»

La sede del Comune di Fabriano
La sede del Comune di Fabriano

FABRIANO – «È innegabile che alcuni uffici stiano registrando delle difficoltà nel rispondere in maniera tempestiva alle richieste dei cittadini. È soprattutto l’ufficio dell’Edilizia Privata a necessitare di un supporto per l’espletamento delle pratiche richieste dai tecnici». Questo l’incipit della replica del sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli alle esternazioni del direttivo cittadino di Fratelli d’Italia che, per l’appunto, aveva evidenziato i tempi lunghi di risposta degli uffici comunali rispetto alle richieste dei cittadini.

E il primo cittadino non si nasconde dietro un dito, ammettendo questi ritardi e concentrandosi soprattutto sull’ufficio dell’Edilizia Privata. «Ufficio che paga purtroppo problemi annosi che si sono presentati nel momento del nostro insediamento con l’assenza di una guida, dato che il tecnico che deteneva il ruolo di Posizione organizzativa e, quindi di responsabile del servizio, non era in grado di svolgere il suo lavoro a causa di gravi problemi di salute. L’ufficio è stato potenziato con due assunzioni, ma nel 2020 abbiamo vissuto molte difficoltà anche sotto questo punto di vista. Il problema maggiore sta nel riuscire a gestire le richieste di accesso di chi deve consultare i documenti conservati in archivio. Su questo siamo molto indietro», evidenzia il sindaco di Fabriano.

Nei mesi estivi scorsi si è riusciti a smaltire la gran parte delle richieste che si erano accumulate durante i primi mesi dell’anno destinando al servizio due unità in più. «Infatti questa amministrazione ha accolto la richiesta che veniva reiterata ormai da anni da parte degli autisti dei pullman scolastici di poter avere una integrazione contrattuale per passare da un contratto annuale da 10 a 12 mesi. Questo ci ha consentito di poter utilizzare queste forze lavoro per svolgere il lavoro di prelievo dei documenti dall’archivio e velocizzare così le procedure». Ora dopo tre mesi «in cui siamo stati costretti a rimanere senza dirigente del settore e con l’indisponibilità di queste persone siamo di nuovo in difficoltà, che è aggravata dal fatto che iniziano ad arrivare le prime richieste per le pratiche legate al “superbonus”. Da mesi evidenzio la difficoltà di tutti gli uffici tecnici nel riuscire a evadere le pratiche legate al “superbonus” con il serio rischio che tale misura si blocchi negli uffici comunali compromettendone l’efficacia».

Santarelli rileva che anche in sede di Anci «ho chiesto che al Governo venga sottoposto questo problema che potrebbe essere risolto con la possibilità di assunzioni mirate sul modello di quelle per il sisma». Al nuovo dirigente che si è insediato a inizio novembre «abbiamo indicato come priorità proprio l’accelerazione di queste pratiche e non è un caso se abbiamo previsto un progetto apposito, il primo che partirà, legato al Reddito di Cittadinanza mirato proprio a questo servizio. Il Centro per l’Impiego ci ha comunicato che già nei prossimi giorni potrebbero essere individuate le persone che verranno impiegate a supporto dell’ufficio dell’Edilizia Privata per la consultazione dell’archivio. Questo ci consentirà di rimettere a regime il sistema e di velocizzare l’espletamento delle pratiche e le risposte ai tecnici», conclude il primo cittadino di Fabriano.