Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

A Sassoferrato si riscopre la figura di Penelope con Cesare Catà e Paola Giorgi

Il 12 agosto la lezione spettacolo “Nell’abbraccio di Penelope”: la conoscenza della regina di Itaca, donna in cui intelligenza e passione si fondono e punto di partenza e di arrivo del lungo e fantastico viaggio dell’eroe omerico Ulisse

Nell'abbraccio di Penelope

SASSOFERRATO – Ritrovarsi per ascoltare una storia antica attraverso la quale entrare nell’intimo di una figura femminile, nota, ma non compresa fino in fondo se non attraverso una lettura guidata di testi classici. Questa è l’esperienza che Cesare Catà e Paola Giorgi proporranno agli spettatori, giovedì 12 agosto alle 21:15 a Sassoferrato in piazza Gramsci, con la loro lezione spettacolo “Nell’abbraccio di Penelope”: la conoscenza della regina di Itaca, donna in cui intelligenza e passione si fondono e punto di partenza e di arrivo del lungo e fantastico viaggio dell’eroe omerico Ulisse.

Cesare Catà, autore, traduttore, storyteller propone una narrazione in cui l’approfondimento ermeneutico e filologico si mescola naturalmente all’ironia della stand-up comedy; Paola Giorgi, attrice, dà corpo e voce a Penelope attraverso la sua interpretazione dei testi di Omero, Ovidio, Kavafis. Diversi i parallelismi proposti tra la Weltanschauung omerica e il mondo contemporaneo, mostrando i profondi rimandi e il valore attuale e appassionante dell’Odissea nel contesto sociale del nuovo Millennio, con una forte attenzione al personaggio femminile di Penelope, alla sua prospettiva, ai suoi risvolti drammatici e alla sua forza come archetipo. Lo spettacolo è a ingresso gratuito, prenotazioni presso IAT Sassoferrato 0732.956257.

La serata è organizzata dal Comune di Sassoferrato e Cooperativa Happennines nell’ambito del progetto Alte Marche Creative. Paola Giorgi e Cesare Catà, provenienti da formazioni differenti, sono uniti da un connubio creativo che anima la loro produzione artistica. Lo spettacolo è prodotto dall’ Associazione Culturale Lagrù.