Sassoferrato: incidente mortale alle porte di Milano, muore Sandro Boldrini

Il 79enne da anni risiedeva in Repubblica Dominicana. Sgomento nella sua città natale non appena si è diffusa la notizia dello schianto avvenuto ieri sera (14 novembre) intorno alle 23

ambulanza
ambulanza

SASSOFERRATO – Rientrato da poco in Italia, si schianta in autostrada alle porte di Milano. Muore sul colpo un 79enne originario di Sassoferrato, Sandro Boldrini, che da anni risiedeva in Repubblica Dominicana. Sgomento nella sua città natale non appena si è diffusa la notizia. Si attende il dissequestro della salma per poter fissare i funerali che si svolgeranno nella città sentinate.

Lo schianto è avvenuto ieri sera, 14 novembre, intorno alle 23. Pioveva. Il 79enne di Sassoferrato, ma da circa 20 anni residente all’estero, era da pochi giorni rientrato in Italia. Era a bordo di una Fiat Panda mentre stava percorrendo l’autostrada A4, tratto lombardo. Alle porte di Milano, l’incidente mortale.

Secondo le prime ricostruzioni fornite dagli investigatori, pare che l’auto guidata da Boldrini si sarebbe inizialmente scontrata con un’altra automobile. Nell’impatto, la Panda sembrava impazzita e il 79enne non avrebbe potuto fare nulla per allontanarsi dal centro della carreggiata dove la Panda è stata centrata da un’Audi che sopraggiungeva e che, data la velocità di quanto accaduto, non è riuscita a schivarla. Entrambi praticamente illesi, gli automobilisti degli altri due mezzi coinvolti. Per il 79enne di Sassoferrato, invece, non c’è stato nulla da fare.

Sandro Boldrini

Nonostante l’arrivo tempestivo dei soccorritori del 118, dei vigili del fuoco e della polizia stradale, infatti, non è restato altro che constatare il decesso di Boldrini. Il 79enne, come detto, era tornato in Italia all’inizio di questa settimana per un periodo di riposo dalla sua attività in Repubblica Dominicana – coordina un Resort – e trascorrere quindi del tempo con la sua famiglia d’origine.

Ora, purtroppo, tornerà a Sassoferrato per la celebrazione del rito funebre che sarà fissato una volta che la salma verrà riconsegnata ai familiari. Il tempo necessario affinché possano essere svolti tutti gli accertamenti disposti dalla Procura per ricostruire con esattezza la dinamica dell’incidente mortale.