Sassoferrato: due campani denunciati a piede libero, avevano rubato tablet a Pergola

I militari della Stazione carabinieri di Sassoferrato hanno rinvenuto nel bagagliaio dell’autovettura, frullini, trapani e avvitatori elettrici. All’interno del vano portaoggetti anche un grosso cacciavite e un tablet

I carabinieri di Sassoferrato
I carabinieri di Sassoferrato

SASSOFERRATO – Si aggiravano per la zona industriale di Sassoferrato con dentro la macchina oggetti rubati e attrezzatura che avrebbe potuto preludere anche a un furto. Denunciati a piede libero due campani dai carabinieri della stazione della città sentinate per i reati di ricettazione e porto di oggetti atti a offendere.

Nella mattina di ieri, 10 settembre, i militari della Stazione carabinieri di Sassoferrato, erano impegnati in una normale attività di servizio finalizzata alla prevenzione e al controllo del territorio. Hanno notato una vettura che percorreva le strade interne alla zona industriale Berbentina a bassa andatura. Hanno deciso di approfondire, una giusta intenzione.

A bordo vi erano due persone originarie della Campania. Hanno chiesto l’esibizione dei documenti e li hanno controllati. Non avevano precedenti. L’auto, sulla quale erano a bordo, era stata noleggiata. All’occhio attento dei carabinieri di Sassoferrato non è sfuggito il nervosismo sui volti dei due soggetti. Si è, quindi, deciso di approfondire il controllo, procedendo a una perquisizione del veicolo. Il sospetto dei militari è stato confermato perché, occultati nel bagagliaio dell’autovettura, vicino al vano della ruota di scorta, è stato rinvenuto materiale vario destinato all’edilizia. In particolare dei frullini, dei trapani e degli avvitatori elettrici. All’interno del vano portaoggetti dell’autovettura, inoltre, sono stati rinvenuti un grosso cacciavite e un tablet.

Il materiale rinvenuto

Di tutto questo materiale, non è stata fornite alcuna giustificazione dai due soggetti. Si è andati avanti con i controlli e i carabinieri della stazione di Sassoferrato hanno scoperto che il tablet era stato rubato, solo qualche ora prima, nel Comune di Pergola a seguito del furto perpetrato su di un’autovettura in sosta lungo una via del centro cittadino. L’apparecchio, una volta rintracciato il proprietario, è stato restituito allo stesso. Mentre il restante materiale, per il quale sono in corso gli accertamenti per stabilirne la provenienza, è stato sottoposto a sequestro penale.

Non è escluso che possa essere stato rubato o, addirittura, poteva essere utilizzato per compiere un furto in un’abitazione o in un’azienda della zona industriale della città sentinate.