Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Sassoferrato: un contest per raccontare la città con gli occhi dei residenti

Il gruppo "Discoverplaces.travel" ha messo in campo un progetto in cui chiunque può partecipare scrivendo una storia in prima persona che parla del proprio paese del cuore. I pezzi saranno tradotti in inglese

SASSOFERRATO – Il comune di Sassoferrato aderisce all’iniziativa “Il tuo Paese protagonista della campagna: Il futuro nelle nostre radici”. Il gruppo “Discoverplaces.travel” ha organizzato un contest in cui chiunque può partecipare scrivendo una storia in prima persona che parla del proprio paese del cuore. Gli articoli verranno selezionati dalla redazione di “Discover”, tradotti in inglese e pubblicati in due lingue nel portale www.discoverplaces.travel. Agli autori delle storie più lette verrà consegnato un riconoscimento e i loro Comuni verranno premiati in autunno.

«L’amministrazione comunale della città sentinate, nella convinzione che il futuro passerà attraverso una innovazione nel modo di leggere la nostra storia, le nostre tradizioni, la nostra cultura, invita i cittadini a scrivere una breve storia sul nostro paese. Le storie vanno poi corredate e arricchite con fotografie di archivio del proprio telefonino o chiedendo ad amici», fanno sapere dal comune di Sassoferrato.

Un interessante modo per promuovere Sassoferrato e dintorni attraverso racconti o storie vissute «che riguardano la cittadina, uno scorcio suggestivo, un quartiere o una frazione che possano stuzzicare la curiosità dei turisti immergendoli nelle nostre radici, dalle quali ripartire con rinnovata forza. L’invito indirizzato a tutti, proprio tutti, è quello di attivarsi subito con lo slogan: “Fai vincere il nostro paese, scrivi una storia in prima persona sul nostro paese lunga meno di due pagine e inviala a info@discoverplaces.travel”», ed è rivolto alla cittadinanza proprio da parte del sindaco Maurizio Greci alla guida di un’amministrazione comunale che si conferma vivace nelle iniziative di promozione e che, per prima, è ripartita al meglio – nelle politiche culturali e turistiche – per promuovere e far crescere il territorio.