Sassoferrato, l’incontro del Caffè Alzheimer sui processi di accoglienza

Si parlerà di come il domicilio è considerato il luogo privilegiato dove la persona malata può essere curata e dove può recuperare in modo totale o parziale l'autosufficienza. A seguire l'appuntamento con la "Palestra per la mente"

Veduta di Sassoferrato
Veduta di Sassoferrato

SASSOFERRATO – La dottoressa Maddalena Priori sarà ospite dell’incontro del Caffè Alzheimer di Sassoferrato in programma oggi, 20 maggio, alle ore 17. Il tema che verrà preso in esame riguarderà i processi di accoglienza, valutazione e presa in carico rispetto all’offerta territoriale domiciliare, residenziale sanitaria, socio-sanitaria e tutelare. In particolare si parlerà di come il domicilio è considerato il luogo privilegiato dove la persona malata di Alzheimer può essere curata e dove può recuperare in modo totale o parziale l’autosufficienza.

Si affronterà anche il delicato argomento del rientro al domicilio dopo un ricovero ospedaliero, che implica una riduzione del livello assistenziale, con un forte carico sulla famiglia. Verrà illustrato come l’offerta dei Servizi Territoriali, oltre al servizio a domicilio, prevede un ventaglio di strutture residenziali a intensità assistenziale differenziata rispetto ai bisogni rilevati dall’Unità Valutativa Integrata, che prevede appositi strumenti – schede di valutazione validate e procedure operative di dimissione protetta – finalizzati alla stesura del Piano Assistenziale Individuale (PAI) e alla garanzia della continuità delle cure.

Argomenti di sicuro interesse per un’iniziativa che, sempre più, si sta caratterizzando per l’alta partecipazione di residenti di Sassoferrato che, direttamente o meno, hanno a che fare con la malattia di Alzheimer.
Il programma dell’incontro di oggi prevede, inoltre, a seguire, il consueto appuntamento con la “Palestra per la mente”: gli incontri condotti dalle psicologhe Serena Covanti e Valentina Mercanti propongono attività di stimolazione cognitiva mirate a facilitare la rievocazione di conoscenze, competenze e tradizioni. La scelta degli esercizi, in chiave ludica, e la complicità del gruppo di partecipanti rendono l’allenamento più divertente e coinvolgente.

Tra le attività dell’Associazione Alzheimer Marche onlus sezione di Sassoferrato, continua con successo il progetto coordinato da Manuela Rinaldi e realizzato con il Patrocinio del Comune sentinate, “La Combriccola Montana”. In occasione del compleanno di una delle partecipanti, la Combriccola è salita in auto per dirigersi all’agriturismo “Antico Muro” dove si è svolto un pomeriggio in compagnia che ha aiutato i partecipanti a trascorrere ore in serenità.